Perchè i Sauditi hanno maciullato Jamal Khashoggi?
Perchè hanno fatto di quel giornalista semita un hamburger strozzato fuso con panna acida? Chi è Paul Allen?


Forward :

WASHINGTON ( JTA ) – Due settimane dopo la sua scomparsa, Jamal Khashoggi, l’editorialista saudita del Washington Post, sta facendo girare la sua reputazione attraverso uno strizzatore, e alcune voci filo-israeliane si stanno unendo al pasticcio.
Anche quando arrivano macabre accuse di essere stato torturato, assassinato e smembrato dopo essere entrato nel consolato saudita a Istanbul, alcuni sostenitori di Israele si sono uniti ad altre figure a destra nel descrivere Khashoggi come un simpatizzante terrorista e feroce oppositore di Israele. Il loro obiettivo sembra essere quello di contrastare un ritratto di Khashoggi come un riformatore saudita e attivista della libertà di parola, e forse la pressione di far deragliare sulla Casa Bianca per punire l’Arabia Saudita per la sua scomparsa e presunto omicidio.

Jared Kushner si è scrollato di dosso l’omicidio di Khashoggi. Non dovrebbe sorprendervi.

Khashoggi era un giornalista sgradito ai Kike, e hanno fatto fare il lavoro sporco ai loro fratelli di razza, cioè ai loro alleati sauditi.

Paul Allen era ebreo. Non dimenticatelo. 😉

I colpi su Khashoggi, deriso come un islamista radicale e antisemita, sono emersi insieme a raccapriccianti resoconti di fonti ufficiali turche sulla sua scomparsa: secondo i rapporti turchi, l’editorialista statunitense è entrato nel consolato saudita a Istanbul per ottenere alcuni documenti prima del suo matrimonio programmato con una cittadina turca, e una squadra di 15 agenti sauditi stava aspettando per torturarlo e ucciderlo.
Donald Trump Jr. ha ritwittato uno dei primi attacchi a Khashoggi, da un corrispondente per il sito web conservatore di PJ Media. Il corrispondente, Patrick Poole, aveva pubblicato le foto delle interviste che Khashoggi aveva condotto alla fine degli anni ’80 con Osama bin Laden, che ha fondato al-Qaeda e organizzato gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.
“Non avevo realizzato fino a ieri che Jamal Khashoggi fosse l’autore di questo famigerato articolo di Arab News del 1988 che lavorava in Afghanistan con Osama bin Laden e il co-fondatore di al-Qaeda Abdullah Azzam“, ha twittato Poole il 12 ottobre, 10 giorni dopo la scomparsa di Khashoggi. “È solo un giornalista riformista democratico in possesso di un gioco di ruolo con jihadisti.” Una foto mostra Khashoggi in posa con un bazooka.

Si potrebbe addirittura pensare secondo questo background di Khashoggi, di cui ci siamo occupati nel precedente articolo, che fosse pure a conoscenza del piano terroristico dell’ 11 Settembre. Ma…

L’intervista era in un momento in cui l’amministrazione Reagan stava sostenendo gli insorti in Afghanistan. Khashoggi era in effetti solidale con bin Laden (le famiglie Khashoggi e bin Laden erano vicine). Tuttavia, quando bin Laden lanciò le operazioni di terrorismo contro l’Occidente, Khashoggi lo sconfessò.

come dire, Kike 0 – Verità 1 .

Altri si sono uniti alla mischia. La rivista FrontPage, diretta dal provocatore di destra David Horowitz, ha pubblicato un articolo lo stesso giorno in cui dichiarava ” Jamal Khashoggi ha incolpato dell’11 settembre il sostegno degli Stati Uniti a Israele “. L’articolo cita un pezzo che Khashoggi ha scritto nel 2001 dopo gli attacchi, pubblicati in arabo sul Guardian, in cui Khashoggi descrive con simpatia le reazioni saudite agli attacchi ma non li approva a titolo definitivo.
Il pezzo di Khashoggi non è in grado di accusare l’attacco degli Stati Uniti a Israele per gli attacchi, sebbene egli affermi che i sauditi hanno visto gli attacchi dell’11 settembre come un trattato con Israele per frenare i palestinesi – una posizione che offenderebbe gli israeliani e molti americani. Quando Khashoggi esprime la sua opinione, è per condannare bin Laden per aver preso di mira i civili.
Il 17 ottobre, l’ufficio europeo del Simon Wiesenthal Center ha diffuso un comunicato intitolato “Il centro Wiesenthal espone i tweet antisemiti di Jamal Khashoggi”.

In buona sostanza, Khashoggi dei gravissimi fatti dell’11 settembre ha incolpato gli Israeliani in combutta con i Sauditi e per questo è stato bollato come Anti-Semita. Lui. Un Semita.

“Il Centro Wiesenthal esprime il suo orrore e repulsione per il presunto raccapricciante omicidio del giornalista Jamal Khashoggi”, ha detto il comunicato. “In una ricerca, tuttavia, del suo account Twitter ufficiale, il direttore del Centro per le relazioni internazionali Simon Wiesenthal, il dott. Shimon Samuels, ha scoperto i seguenti tweet del 16 ottobre 2015.”
Nei tweet, Khashoggi nega ogni connessione ebraica con la terra di Israele, e afferma che il Muro occidentale era una costruzione musulmana – una falsa narrativa che fa infuriare gli israeliani, ed è un luogo comune nella regione, in particolare tra i palestinesi.

Ma , a questo punto, l’amico Jamal si è spinto anche oltre, molto oltre. Pancia, fegato all’olio di palma, ed eroismo.

Il 18 ottobre, Block ha citato un articolo del New Yorker che descrive Khashoggi come giornalista e ha commentato: “Uh, significa frontman per gli islamisti e spook pagato per Qatar, e Turchia, al Faisal, il cui” giornalismo “era una copertura per il suo vero lavoro, ha avvolto le sue idee islamiste in un linguaggio fiorito di “diritti umani” mentre elogiava Hamas e ha chiesto che Israele venisse distrutto dalla violenza. “Block ha rifiutato di commentare e le sue fonti non sono chiare.

Tutto questo si inserisce nei piani di Jared Kushner o Messiah Ebraico per dare inizio all’avvento della Grande Israele partendo dalla sua capitale: Gerusalemme.

Il consigliere della Casa Bianca Jared Kushner vede i sauditi e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman in particolare, come la chiave per avanzare la proposta di pace israelo-palestinese che spera di svelare presto.
Le figure filo-israeliane di destra hanno abbracciato Trump perché lui ha abbracciato la loro prospettiva, spostando l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme e ritirandosi dall’accordo nucleare iraniano del 2015, e ora potrebbero restituire il favore, ha detto Michael Koplow, il direttore della politica per l’Israel Policy Forum, un gruppo che sostiene la soluzione dei due stati.
Kushner non ha rivelato i dettagli del piano, ma i sostenitori della destra sperano di far arretrare molte delle ortodossie filo-palestinesi dei piani passati, inclusa la statualità come risultato e una presenza nella città vecchia di Gerusalemme.

Noto il legame di ferro tra l’attuale Governo Israeliano guidato da Benjamin Netanyahu e i Sauditi capitanati dal Principe sanguinario bin Salman. Sotto l’assoluta supervisione di “certi stati uniti”…

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promosso i legami emergenti con l’Arabia Saudita e altri paesi come convalida della sua strategia di minimizzare la pace con i palestinesi, credendo di poter fare Israele a casa nella regione senza i palestinesi. Bin Salman era una figura chiave in questa strategia.
“Gran parte dell’argomentazione israeliana per la mancanza dell’isolamento di Israele dipende dal fatto che i sauditi siano dietro le quinte amichevoli in modi che prima non potevamo immaginare”, ha detto Koplow.
Wittes era scettico sul fatto che i funzionari israeliani abbiano incoraggiato gli sforzi per punire la reputazione di Khashoggi. Invece, ha detto, gli attacchi sembrano essere il risultato della polarizzazione sulla scena politica americana, in cui gli alleati di sinistra o di destra attaccano l’altra parte in un modo che non serve necessariamente i loro interessi particolari.
“Quello che abbiamo visto nella politica americana è questa intensa polarizzazione, e quando una posizione è presa” al tuo fianco “, tendi a farlo eco senza riflettere sui tuoi interessi”, ha detto.

Come dire che avendo la Stampa e i Media dalla loro parte, il maciullamento di certi idnividui di spicco mal visti dall’invincibile sfrontato duo Arabo-Israelita è permesso ed è pure lecito.
Ebrei e Sauditi, semiti , mezzi semiti e non semiti, un bel melting pot (melting pot che è sempre di loro invenzione, dovrebbero tornare indietro nel tempo e proporre ai greci di fondersi multiculturalmente con i persiani, che dite?, n.d.R.),

un mix pericoloso, un composto chimico altamente instabile, ma che trova la sua stabilità in qui pro uccidi e dividi.

Israele e l’amministrazione Trump vedono nell’Arabia Saudita la chiave per contenere l’influenza dell’Iran nella regione. Alcuni degli esperti che mettono in evidenza il passato dei Fratelli Musulmani di Khashoggi sospettano che i sostenitori dell’accordo con l’Iran siano dietro uno sforzo per imbrattare la perbenista facciata dei sauditi. L’isolamento dei sauditi, temono, minerebbe il sostegno alla linea dura dell’amministrazione Trump sull’Iran, e il suo rifiuto del piano di riduzione delle sanzioni per il nucleare, negoziato dall’odiato predecessore di Trump, il presidente Barack Obama.
Khashoggi “ha stretto un’alleanza tattica con gli ex funzionari di Obama che cercano di dipingere la politica pro-saudita e anti-iraniana di Trump come un disastro”, scrivono questa settimana Mike Doran del conservatore Hudson Institute e Tony Badran della falchiosa Fondazione per la difesa delle democrazie. nel New York Post. “Trump, in quest’ottica, è il promotore di un principe ereditario giovane e impetuoso. Conflitti come lo Yemen derivano dalla spericolatezza saudita piuttosto che dall’espansionismo iraniano “. Bin Salman ha diretto una campagna di bombardamenti contro le forze sostenute dall’Iran in Yemen.

Certo, ed anche l’Iran. Uno dei più moderni paesi musulmani, sciita, moderato perchè non sunnita.
Quindi, un pericolo che bisogna contenere, strangolando e affettando chi ne parla bene e ne difende i diritti. Dopo tutto, l’Iran ha delle bombe nucleari fantasma, e talmente fantasma da far spaventare il Primo Ministro Netanyahu che a sua volta spaventa il resto del mondo.
I turchi hanno fatto un buon lavoro, anzi cose turche.

Ed anche i kike lo hanno fatto, diamo anche a loro parte del merito.

I kike hanno fatto un buon lavoro: maciullando Jamal e svelandoci perchè è stato maciullato.

Quindi, non esageriamo con i commenti anti-semiti, prima di mettere su Huey Lewis and the News, e ribadire che Khashoggi era un semita….

D’altronde , come ha detto qualcuno, noi non abbiamo mai ucciso Paul Allen, ma aremmo voluto farlo poichè dopo tutto lui…non era Jamal Khashoggi.