The artificial intelligence that is currently feeding on our data has an internal neuronal network kept alive by quantum computers.

But the quantum-based computer as computing power is something totally revolutionary as it does not base its calculations only on the common known physical laws of cause and effect but also on those of time and space.

Just like in the Junghian Synchronicity….

***

L’intelligenza artificiale che si sta attualmente nutrendo dei nostri dati ha una rete interna neuronale tenuta in vita da computer quantistici.

Ma il computer basato sui quanti come potenza di calcolo è qualcosa di totalmente rivoluzionario poichè non basa i suoi calcoli solo sulle comuni leggi fisiche conosciute di causa ed effetto ma anche su quelle di tempo e spazio.

Proprio come nella Sincronicità Junghiana….

La computazione quantistica […] sarà la prima tecnologia che permetterà di svolgere compiti utili in collaborazione con universi paralleli

“Il calcolo quantistico è … nulla di meno che un modo nettamente nuovo di sfruttare la natura … Sarà la prima tecnologia che consentirà di svolgere attività utili in collaborazione tra universi paralleli e quindi condividerne i risultati”.

David Deutsch, “La Fabbrica della Realtà”, 1997

“Quantum computation […] will be the first technology that allows useful tasks to be performed in collaboration between parallel universes”

“Quantum computation is … nothing less than a distinctly new way of harnessing nature … It will be the first technology that allows useful tasks to be performed in collaboration between parallel universes, and then sharing the results.”

David Deutsch, “The Fabric of Reality”, 1997

In other words, Deutsch suggests that “someone on the other side will cooperate“. Deutsch, despite the surname is a Jew. And I am not surprised that you talk so confidently and optimistically about “collaborating between different parallel universes“. He should have had the fantasy of thinking that in a parallel universe the Nazis were the ones to win the war in 45 and that maybe these from their parallel world today can help us get rid of the winners of the 45 of our current universe,

***

Cioè Deutsch lascia presagire che “qualcuno dall’altro lato collaborerà“. Deutsch nonostante il cognome è un ebreo. E non mi meraviglia che parli con tanta fiducia ed ottimismo del “collaborare tra diversi universi paralleli“. Dovrebbe aver avuto la fantasia di pensare che in un universo parallelo i Nazisti siano stati quelli a vincere la guerra nel 45 e che magari questi oggi dal loro mondo parallelo possono aiutarci a sbarazzarci dei vincitori del 45 del nostro attuale universo,

If Germany and Japan had lost the war, the Jews would be running the world today. Through Moscow and Wall Street.” ______Man in the High Castle, P.K.Dick, 1962

which unfortunately is disgusting precisely because of those who won the war in the current timeline of our universe.

***
che purtroppo è schifoso proprio a causa di quelli che vinsero la guerra nella attuale linea temporale del nostro universo.

Se la Germania e il Giappone avessero perso la guerra, gli ebrei oggi avrebbero guidato il mondo. Attraverso Mosca e Wall Street “, Man in the High Castle, P.K.Dick, 1962

I don’t know if this can sound an alarm bell, but for those who know how much damage the Semitic doctrines have done, then it will be recognized as a threat, that’s why in my opinion you shouldn’t challenge nature, its laws and try to communicate with the unknown likeif we take it for granted that this communication can only benefit us.

Man has always tried to do it. Communicating with God, knowing the last truth, rising from his miserable mortal remains and reclaiming a throne as a thinking and willing being in the universe.

***
Non so se questo possa far suonare un campanello d’allarme, per chi conosce quanti danni hanno fatto le dottrine semite lo sarà, ecco perchè a mio giudizio non si dovrebbe sfidare la natura, le sue leggi e tentare di comunicare con l’ignoto come se dassimo per scontato che questa comunicazione possa arrecarci esclusivamente benefici.

L’Uomo ha sempre tentato di farlo. Comunicare con Dio, conoscere l’ultima verità, ergersi dalle sue misere spoglie mortali e reclamare un trono come essere pensante e volente nell’universo.

According to Max Tegmark, with whom we have been able in the past to exchange different opinions on the theory of E. Fermi, as the universe we see and study is nothing more than a fictitious vision of the positions of the stars and galaxies according to time used by light to make us observe it, and how this “observable whole” contains in itself millions of galaxies with their millions of stars, so this too, this universe is contained in its turn within millions of other universes that make up the cd Multiverse.

But what do parallel universes have to do with quantum computers in concrete terms, today …

***

Secondo Max Tegmark, con il quale abbiamo avuto modo in passato scambiare diversi pareri sulla Teoria di E.Fermi, come l’universo che vediamo e studiamo non è nient’altro che una visione fittizia delle posizioni degli astri e delle galassie in accordo al tempo impiegato dalla luce per farcele osservare, e come questo “tutto osservabile” racchiuda in sè milioni galassie con le loro milioni di stelle, così anche questo tutto, questo universo è contenuto a sua volta dentro milioni di altri universi che vanno a comporre il c.d. Multiverso.

Ma cosa hanno a che fare gli universi paralleli con i computer quantistici in concreto, oggi…

2013:

In this 2013 video, he talks about Geordie Rose, CTO, CEO and founder of D-Wave Systems, back in 1999, in very difficult times, and it is since then that he works in the dark to quantum computing associated with somewhat esoteric aspects.

It is impossible to continue reading this article unless you watch and listen carefully to this video.

The D-Wave System is a partner of the Federal Government, as well as Google, Amazon, and others rely on their quantum computers to analyze our data, and as you will see they entrust all our future potentials to the quantum computer.

***

In questo video del 2013 parla Geordie Rose, CTO, CEO e fondatore della D-Wave Systems, nel lontano nel 1999, in tempi non sospetti, ed è da allora che questa lavora nell’oscurità alla computazione quantistica associata ad aspetti alquanto esoterici.

E’ impossibile continuare a leggere questo articolo se non si guarda e ascolta attentamente questo video.

La D-Wave System è partner del Governo Federale, e sia questo che Google, Amazon, e altri affidano ai suoi computer quantistici i nostri dati, o come vedrete affidano al computer quantistico tutti i nostri potenziali futuri.

Notions on Quanti

The qubit is the c.d. quantum bit, a unit of quantum information, similar to a computer bit but not equal given that a bit of our computers is equal to the binary values 0 or 1, while a qubit can contain both values simultaneously, this particular characteristic is called Overlap State.

Such as Tachyon, an atomic subparticle that is theoretically able to travel through time since it is able to reach a speed higher than that of light, so the quantum particle can be found in two distinct and separate points of space and time.

We remember for our neophyte readers that the subatomic particles, or the infinitely small quantum world, do not respect the common laws of physics, what we take for granted in our nature as observers of the observable is not at all at a subatomic level, to example we are born, grow and die .. but none of this would make sense in the quantum world.
This is to explain that although we are aware that these subatomic laws exist and are clearly in contrast with our ordinary laws of physics, our limited nature of observers denies us as scientists to observe and validate what is however certain, just like the Overlap state, because when we try to observe it it disappears. And where are the quantum particles going? Simply to a parallel universe!
And we’re talking about a qubit. Think of thousands of qubits in how many parallel universes go and how many come back.
Current computers would require tens of billions of years to solve, for example, one of the most difficult data problems of this world, while a quantum computer would be able to solve it in minutes, hours or maybe a few days. But if these data bits come and go from these parallel universes, what are the latter?
Simply they contain worlds similar to ours, and that share our same physical laws, since only a similarity between them and our world allows the occurrence of the overlapping state, and these worlds or universes have a connection, a nexus, a point where their space and their time make them collide by virtue of a cause, and because of its effect. And this operation or equation causes the number of parallel universes that can be used for overlapping states to be increased by increasing the qubit units.

***

Nozioni sui Quanti

Il qubit è il c.d. bit quantico, un’unità di informazioni quantistiche, simile a un bit di computer ma non uguale dato che un bit dei nostri computer equivale ai valori binari 0 o 1, mentre un qubit può contenere entrambi i valori contemporaneamente, questa particolare caratteristica è chiamata Stato di Sovrapposizione.

Come ad esempio il Tachione, una subparticella atomica che teoricamente è in grado viaggiare nel tempo dato che è in grado di raggiungere una velocità superiore a quella della luce, così la particella quantica può trovarsi in due punti distinti e separati di spazio e tempo.

Ricordiamo per i nostri lettori neofiti che le particelle subatomiche, o il mondo infinitamente piccolo dei quanti, non rispettano le comuni leggi della fisica, ciò che noi diamo per scontato nella nostra natura di osservatori dell’osservabile non lo è affatto a livello subatomico, ad esempio noi nasciamo, cresciamo e muoriamo..ma nulla di tutto ciò avrebbe senso nel mondo dei quanti.
Questo per spiegare che sebbene siamo a conoscenza che queste leggi subatomiche esistono e sono nettamente in contrasto con le nostre leggi ordinarie di fisica la nostra limitata natura di osservatori ci nega come scienziati di osservare e convalidare ciò che tuttavia è certo, come appunto lo stato di sovrapposizione, poichè quando tentiamo di osservare la sopvrapposizione questa scompare. E dove va? In un universo parallelo.
E stiamo parlando di un qubit. Pensate migliaia di qubit in quanti universi paralleli vanno e da quanti ritornano.
I computer attuali richiederebbero decine di miliardi di anni per risolvere ad esempio uno dei dati problemi dei problemi più difficili del mondo, mentre un computer quantistico sarebbe in grado di risolverlo in minuti, ore o forse pochi giorni. Ma se questi bit di dati vanno e vengono da questi universi paralleli, cosa sono questi ultimi?
Semplicemente contengono mondi simili ai nostri, e che condividono le nostre stesse leggi fisiche, dato che solo una similitudine tra loro e il nostro mondo permette il verificarsi dello stato sovrappositivo, e questi mondi o universi hanno una connessione, un nexus, un punto dove il loro spazio e il loro tempo li fa collidere in virtù di una causa, e in ragione del suo effetto. E questa operazione o equazione fa sì che aumentando le unità di qubit si aumenteranno anche il numero di universi paralleli utilizzabili per gli stati sovrappositivi.

“Multiverse”, C.Escher

For the Hindu Religion: “The countless universes wrap their whole in their shell, they are forced by the wheel of time to wander within you, like particles of dust blowing in the sky.”

Hindus believe that all beings exist in different forms at the same time, simultaneously in parallel universes, and that we live unaware of the existence of our others, we ourselves are in a overlap state.

This is a probable explanation of the déjà vu, or of indescribable experiences that challenge the logic of our existence. This gives us hope that death is only an appearance and that like subatomic particles we will disappear only to reappear in another place, in another time, in another universe.

But what would happen if the actions of one universe would influence those of another?
When one thinks of God playing dice this someone is making him more human than human or only limitedly and contemptuously human, but a good divine architect must have foreseen the simple occurrence of such an interaction, given that it is possible, and certain, and therefore this question arises : Will he only have given way to the thinking being to take his place one day?
My logic leads me to believe not, but in the subatomic logic what I believe it is completely irrelevant, misleading, and ultimately not true.

***

Per la Religione Indu: “Gli innumerevoli universi avvolgono il loro tutto nel loro guscio, sono costretti dalla ruota del tempo a vagare dentro di te, come particelle di polvere che soffiano nel cielo.

Gli Induisti credono che tutti gli esseri esistano in differenti forme allo stesso tempo, contemporaneamente in universi paralleli, e che noi viviamo ignari dell’esistenza dei nostri altri, noi stessi siamo in uno stato di sovrapposizione.

Questa è una probabile spiegazione dei déjà vu, o di esperienze indescrivibili che sfidano la logica della nostra esistenza. Questo ci dà speranza che la morte sia solo un’apparenza e che come le particelle subatomiche noi scompariremo solo per riapparire in un altro luogo, in un altro tempo, in un altro universo.

Ma cosa accadrebbe se le azioni di un universo influenzassero quelle di un altro?
Quando si pensa a Dio che gioca a dadi lo si rende solo limitatamente e spregiativamente un umano, ma un buon divino architetto deve aver previsto il semplice accadere di una simile interazione, dato che essa è possibile, e certa, e quindi si viene alla domanda: avrà solo dato modo all’essere pensante di prendere un giorno il suo posto?
La mia logica mi porta a credere di no, ma nella logica subatomica quello in cui Io credo è del tutto irrilevante, fuorviante, e in ultimo non vero.

Vatican Role

A meeting took place in the Vatican between Transhumanists and the high ecclesiastical spheres.
Described as an “exclusive gathering of technological, business, financial, governmental, academic, ecclesiastical and media leaders … to catalyze awareness and establish the best path to travel with humanity and technology in harmony”.

The Transhumanists who took part in this meeting come from Humanity 2.0, the vision of Humanity 2.0 is defined by five beliefs, including the belief that we are a species with a collective responsibility to shape our future and that the challenges for humanity they must be faced by a coordinated, or translated action: we will create an artificial intelligence that will shape our future as it intends to do it “independently“.

But how will he be able to think about our place and make us perform specific and specific actions for the sole purpose of fulfilling his purpose? In a few steps.

Internet? Only the first phase.

And this is where D-Wave Systems comes into play. But how could they not “deal only” with quantum computers and parallel universes? Not exactly.
Because it seems they also take care of our data.

***

Il Ruolo del Vaticano

Un incontro si è svolto in Vaticano tra Transumanisti e le alte sfere ecclesiastiche.
Descritto come un “raduno esclusivo di leader tecnologici, aziendali, finanziari, governativi, accademici, ecclesiastici e dei media … per catalizzare la consapevolezza e stabilire il miglior cammino da percorrere con l’umanità e la tecnologia in armonia“.

I Transumanisti che hanno preso parte a quest’incontro provengono da Humanity 2.0, la visione di Humanity 2.0 è definita da cinque credenze, inclusa la convinzione che siamo una specie con una responsabilità collettiva per modellare il nostro futuro e che le sfide per l’umanità devono essere affrontate da un’azione coordinata, o tradotto: daremo vita ad un’Intelligenza artificiale che modellerà il nostro futuro così per come intende farlo “autonomamente”.

Ma come sarà in grado di pensare al nostro posto e farci compiere specifiche e determinate azioni al solo fine di compiere il suo scopo? In poche fasi.

Internet? Solo la prima fase.

Ed è qui che entra in gioco la D-Wave Systems. Ma come non si occupavano “solo” di computer quantistici e universi paralleli? Non proprio.
Perchè pare si occupino anche dei nostri dati.


You have read a few lines above:

Current computers would require tens of billions of years to solve, for example, one of the data problems of the world’s most difficult problems, while a quantum computer would be able to solve it in minutes, hours or maybe a few days.

It means that all our data, conversations, comments, photos, phone calls, etc. they are analyzed by these quantum machines rapidly, and continuously.
The D-Wave is recording, analyzing, learning, and all this while its overlapping states send and receive resources, data, from parallel universes. And all this to “predict”, make an event happen or that does not happen, or in other words … change our future to the liking of a Machine that was not supposed to be not sentient.

All bullshit, isn’t it?

But if you’ve had the chance to see Rose’s entire conference, here are her forecasts, let’s remember that her conference was held in 2013:

***

Avete letto qualche rigo sopra:

I computer attuali richiederebbero decine di miliardi di anni per risolvere ad esempio uno dei dati problemi dei problemi più difficili del mondo ad essere risolti, mentre un computer quantistico sarebbe in grado di risolverlo in minuti, ore o forse pochi giorni.

Significa che tutti i nostri dati, conversazioni, commenti, foto, telefonate, etc. sono analizzate da queste macchine quantistiche rapidamente, e continuamente.
Il D-Wave sta registrando, analizzando, imparando, e tutto questo mentre i suoi stati sovrappositivi inviano e ricevono risorse, dati, da universi paralleli. E tutto questo per “predire”, fare in modo che un evento accada o che non accada, o in altre parole…modificare il nostro futuro a piacimento di una Macchina che non si presupponeva potesse non essere senziente.

Tutte stronzate, non è così?

Ma se avete avuto modo di vedere l’intera conferenza di Rose, ecco le sue Previsioni, ricordiamo che la sua conferenza si è tenuta nel 2013:

***

Predizione 1:

La Nasa troverà entro il 2018 un pianeta del tutto simile al nostro pianeta Terra grazie all’uso di computer quantistici.

D-Wave Systems ha dichiarato lunedì che Google, la NASA e la Universal Space Research Association (USRA) hanno scelto di aggiornare l’attuale sistema di ricottura del calcolo quantistico installato nel Centro di ricerca Ames della NASA alla nuova piattaforma D-Wave 2000Q. In precedenza, Ames faceva affidamento sul sistema D-Wave 2X reso disponibile nell’agosto 2015.

D-Wave Systems said on Monday that Google, NASA, and the Universal Space Research Association (USRA) chose to upgrade the current quantum annealer computing system installed in NASA’s Ames Research Center to the new D-Wave 2000Q platform. Previously, Ames relied on the D-Wave 2X system made available in August 2015.

NASA Quantum Supercomputer :

La NASA ha recentemente intrapreso un viaggio per esplorare il potenziale dei computer quantistici per affrontare i problemi del mondo reale che sono difficili o impossibili per i supercomputer tradizionali da risolvere con precisione e in un arco di tempo realistico. Il progetto è uno sforzo di collaborazione quinquennale tra NASA, Google e la University Research Space Association.
[…]
Il sistema D-Wave Two è un processore sequenziale che è meglio applicato a problemi difficili in cui la parallelizzazione è inefficiente. La NASA sta esplorando il potenziale dei sistemi quantistici operativi come processori per scopi speciali collegati ai supercomputer classici situati presso la struttura Advanced Supercomputing della NASA presso il Centro ricerche Ames.

NASA recently embarked on a journey to explore the potential for quantum computers to tackle real-world problems that are difficult or impossible for traditional supercomputers to resolve accurately and in a realistic time frame. The project is a five-year collaborative effort among NASA, Google, and the Universities Space Research Association.
[…]
The D-Wave Two system is a sequential processor that is best applied to hard problems where parallelization is inefficient. NASA is exploring the potential of operating quantum systems as special-purpose processors attached to classical supercomputers located at the NASA Advanced Supercomputing facility at Ames Research Center.

Predizione 2:

Entro il 2023, una importante rottura accadrà nella fisica basata su un modello la cui pietra angolare sarà la realtà degli Universi Paralleli, un esperimento sarà attuato su un computer quantistico che supporterà la nuova teoria.

Predizione 3:

Entro il 2028, macchine intelligenti esisteranno e potranno fare tutte le cose che fanno gli umani, il computer quantistico giocherà un ruolo critico nella creazione di questo nuovo tipo di intelligenza.

And here is the second phase, neural implantable interfaces in humans and such as to make it partly a machine.

***

Ed ecco la seconda fase, interfacce neurali impiantabili nell’uomo e tali da renderlo in parte macchina.

Neuralink:

https://youtu.be/r-vbh3t7WVI

Although thanks to that Elon Musk charlatan this company is for now only smoke and roast of some laboratory monkey in San Francisco.

***

Anche se grazie a quel ciarlatano di Elon Musk questa compagnia è per adesso soltanto fumo e arrosto di qualche scimmia da laboratorio a S.Francisco.

Il Cern, il Multiverso e i Buchi Neri

Cern, the Multiverse and the Black Holes

Another way to study parallel universes is … to reach one. Such as: Creating a black hole.
At least as theorized by the world famous scientist Stephen Hawking.

But how to create a black hole? Just ask to Cern.


Un altro modo per studiare gli universi paralleli è…raggiungerne uno. Come? Creando un buco nero.
almeno secondo quanto teorizzava il mondialmente famoso scienziato Stephen Hawking.

Ma come creare un buco nero? Basta chiedere al Cern.

La creazione di buchi neri nel Large Hadron Collider è molto improbabile. Tuttavia, alcune teorie suggeriscono che la formazione di piccoli buchi neri “quantistici” potrebbe essere possibile. L’osservazione di un tale evento sarebbe elettrizzante in termini di comprensione dell’Universo; sarebbe anche perfettamente sicuro.

The creation of black holes at the Large Hadron Collider is very unlikely. However, some theories suggest that the formation of tiny ‘quantum’ black holes may be possible. The observation of such an event would be thrilling in terms of our understanding of the Universe; it would also be perfectly safe.

Il Computer D-Wave viene attualmente raffredato con una temperatura cento volte più fredda di quella dello spazio interstellare, cioè la stessa temperatura che teoricamente possiede un buco nero.

The D-Wave Computer is currently cooled to a temperature a hundred times colder than that of interstellar space, ie the same temperature that theoretically a black hole owns…

***

What do governments currently do to regulate a future populated by “new types of thinking beings”?

What are they doing? They give control to Google and other private contractors and specific professional figures that refer to certain political thoughts.

***

Cosa fanno attualmente i Governi per regolamentare un futuro popolato da “nuovi tipi di esseri pensanti”?

Cosa fanno? Danno il controllo a Google ed altri contractor privati e specifiche figure professionali che fanno riferimento a determinati pensieri politici.

Il 4 luglio 2019, la Commissione europea ha pubblicato una scheda informativa sull’intelligenza artificiale (“AI”) per l’Europa (la “scheda informativa”). Nella scheda informativa, la Commissione europea sottolinea l’importanza dell’I.A. e il suo ruolo nel migliorare la vita delle persone e apportare grandi benefici alla società e all’economia. Inoltre, il Factsheet descrive anche il ruolo dell’UE nell’intelligenza artificiale e gli investimenti finanziari che la Commissione ha intenzione di realizzare nell’intelligenza artificiale. La scheda contiene anche alcuni esempi di progetti condotti dalla Commissione nell’ambito dell’intelligenza artificiale (compresi l’agricoltura, i dati e la sanità elettronica, la pubblica amministrazione e i servizi, i trasporti e l’industria).

On July 4, 2019, the European Commission published a factsheet on artificial intelligence (“AI”) for Europe (the “Factsheet”). In the Factsheet, the European Commission underlines the importance of AI and its role in improving people’s lives and bringing major benefits to the society and economy. In addition, the Factsheet also describes the EU’s role in AI and the financial investments the Commission is planning to make in AI. The factsheet also includes some examples of projects conducted by the Commission in AI (including in agriculture, data and eHealth, public administration and services, and transport and manufacturing).

The European commission has appointed a so said high-level expert group on artificial intelligence, 52 experts, supposedly high-level on artificial intelligence, made up of representatives from academia, civil society and industry, namely Google, IBM, StMicroelectronics, Microsoft, Skype, BMW , Bayer, Santander Group, Nokia, and … Zalando, yes… the shoe store.

***

La commissione (poco) europea ha nominato un c.d. gruppo di esperti di alto livello sull’intelligenza artificial, 52 esperti, si suppone, di alto livello sull’intelligenza artificiale, composti da rappresentanti del mondo accademico, della società civile e dell’industria, cioè Google, IBM, StMicroelectronics, Microsoft, Skype, BMW, Bayer, Santander Group, Nokia, e…Zalando, si quelli delle scarpe etc.

Die Human

Wikipedia:

In October 2015, Google DeepMind’s program AlphaGo beat Fan Hui, the European Go champion and a 2 dan (out of 9 dan possible) professional, five times out of five with no handicap on a full size 19×19 board.[119] AlphaGo used a fundamentally different paradigm than earlier Go programs; it included very little “direct” instruction, and mostly used deep learning where AlphaGo played itself in hundreds of millions of games such that it could measure positions more intuitively. In March 2016, Google next challenged Lee Sedol, a 9 dan considered the top player in the world in the early 21st century,[130] to a five-game match. Leading up to the game, Lee Sedol and other top professionals were confident that he would win;[131] however, AlphaGo defeated Lee in four of the five games.[132][133] After having already lost the series by the third game, Lee won the fourth game, describing his win as “invaluable”.[134] In May 2017, AlphaGo beat Ke Jie, who at the time continuously held the world No. 1 ranking for two years,[135][136] winning each game in a three-game match during the Future of Go Summit.[137][138]

A simply particular obtained from the final third match between Ke Jie and DeepMind…

Wikipedia:

Google DeepMind offered 1.5 million dollars winner prizes for this match while the losing side took 300,000 dollars for participating in the three games.[15][16][17] AlphaGo won all three games.

Sanctuary.AI

Sanctuary.AI is made by same people who founded D-Wave Systems, and Suzanne Gildert is one of their top ruling head over there.

She is creating Synth, starting with herself.

I have a large amount of data. I’m using it to create a robot copy of myself. This is an ongoing project that is part self-portrait, part hardcore engineering. It is the ultimate expression of my love of both science and art.

My robot copy is called SuzanneSynth.

I like to build brains and explore AGI.