Romanov vittime di omicidio rituale ebraico

L’ultimo imperatore di Russia fu ucciso con la moglie e i cinque figli nel 1918.
Alcuni importanti membri della Chiesa ortodossa russa insistono da sempre che il suo omicidio , e quello della sua intera famiglia, fu parte di un rituale ebraico.

La teoria è stata respinta negli anni ’90, ma una nuova indagine farà di nuovo luce su di essa.
Gli ebrei sono stati accusati di omicidio rituale da parte degli antisemiti fin dal Medioevo, e avendo consapevolezza degli ultimi scandali che hanno coinvolto il mondo ebraico, queste teorie incominciano a sdoganarsi da sole dal rango stereotipico.

Lo Zar Nicola II fu ucciso con la moglie e cinque figli dai bolscevichi comunisti nel 1918 dopo che Vladimir Lenin era salito al potere, e fin da allora circolavano bizarre voci sulle circostanze della loro morte selvaggia.

Alcuni cristiani nell’Europa medievale credevano che gli ebrei uccidessero i cristiani per usare il loro sangue per scopi rituali, soprattutto i bambini, cosa che gli storici dicono che non ha fondamento nella religiosa ebraica o nel fatto storico ad essa legato.

Lo Zar e la sua famiglia furono giustiziati da un plotone di esecuzione bolscevico il 17 Luglio 1918, in una stanza nel seminterrato della casa di un mercante, nella città dei Monti Urali di Ekaterinburg.
La Chiesa ortodossa russa li ha resi santi nel 2000.

Yakov Yurovsky, l’organizzatore dell’esecuzione che era ebreo, e in seguito si vantò della sua “missione storica sacra”, un regicidio.
Yakov Sverdlov, il capo bolscevico che ordinò l’uccisione dell’ultimo Zar, era anche ebreo.
Lenin era ebreo d aparte di madre, quindi era anch’egli ebreo. Così Trotsky, l’altro alto capo bolscevico, era anche ebreo.
Un comitato investigativo ha ora lanciato una “valutazione psicologica e storica” ​​sulla questione come parte del procedimento penale in corso nell’uccisione dei Romanov.
I membri chiave di una commissione ecclesiastica legata all’indagine criminale “non hanno dubbi” la sparatoria era “ritualistica”, ha detto.
Una parlamentare fedele a Putin, Natalia Poklonskaya, 37 anni, ha anche affermato che l’omicidio dello zar aveva motivazioni religiose “cattive”.
“Hanno assassinato l’intera famiglia reale, hanno ucciso i bambini di fronte a loro padre, hanno ucciso la madre di fronte ai suoi bambini”, ha detto il politico, ex procuratore capo in Crimea. Questo è un crimine, uno spaventoso omicidio rituale.”

Source: http://www.dailymail.co.uk/news/article-5125545/Russia-investigates-tsar-killed-Jewish-ritual.html

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.