INTERFERENZE

Non e’ una novita’ che il Patto Atlantico, sotto la supervisione del Direttivo ZOG, incolpa la Russia perche’ il suo piano di dominio totalitario , mascherato da democrazia, va in fumo.


Accuse veramente ridicole, come quella degli account russi sui social che avrebbero influenzato le elezioni presidenziali americane.
Come se questa gentaglia che “accusa” fosse esente dall’attuare geopolitiche di influenza ed interferenza con processi elettorali e politici in tutto il mondo:

Adesso questa risibile accusa del gas nervino per uccidere una ex spia sovietica grassa e vecchia.
Mi chiedo se per uccidere un vecchio porco, stanco e grasso, serva usare un agente chimico che alla fine sara’ a sua volta utilizzato come potenziale prova d’accusa contro un paese che lo produceva ma tuttavia non contro altri paesi che possono pure produrlo senza troppi problemi.
L’altro Russo trovato ucciso con il collo spezzato stranamente non ha avuto bisogno del nervino per morire.

E per concludere queste accuse adesso Forbes, sotto direttiva ZOG, tira fuori l’ultima , e nuovamente risibile, storia dell’hacking perpetrato da fantomatici Russi alle Centrali Nucleari Americane.
Ma chi vogliono prendere in giro con queste bugie così evidenti?

Le Centrali Nucleari non sono hackerabili dall’esterno.

Il Governo inglese provvede a fornire spalla ai nemici della Russia facendo finta di dimenticare le migliaia di bambine ed adolescenti violentate da bande di sporchi pachistani, con passaporto britannico, dimentica le vittime dell’acido in tutta Londra, dimentica gli attentati jihadisti, ma adesso ci vuole fare credere che teneva alla vita vita di una ex spia, di un traditore, vecchio e grasso, solo perche’ e’ stata uccisa sul suolo britannico.

Tutto questo denota una volonta’ di diffamare, calunniare ed aprire ad una pericolosa escalation con Mosca, perche’ la Russia non si pieghera’ mai a diventare uno Stato Vassallo o ZOG, anzi rappresenta una minaccia concreta al suo dominio.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s