Bungeishunjū

Bungeishunjū Ltd. (株式会社 文藝 春秋 Kabushiki-gaisha Bungeishunjū), una casa editrice giapponese fondata nel 1923 , e’ conosciuta principalmente per la sua rivista mensile dal nome omonimo Bungeishunjū.

Uno dei premi letterari più prestigiosi in Giappone e’ annualmente ospitato dalla Bungeishunjū, così anche il premio annuale Naoki per i romanzieri e il premio Bungeishunjū Manga per il successo nei campi manga e di illustrazione stampata e animata. La sua sede si trova presso il quartiere di Chiyoda, un distretto di Tokyo.

La società pubblica Bungakukai (文學界), il settimanale Shūkan Bunshun (週刊 文 春) e la rivista sportiva Number, sono considerate rispettivamente l’opinione pubblica della cultura letteraria, politica e sport-giornalistica. Il Bunshun, in particolare, è venuto a conoscenza di controversie riguardanti questioni di libertà di parola, in particolare le violazioni della privacy e della diffamazione; vedi, per esempio, Mitsuo Kagawa.

Nel Febbraio del 1995 la rivista giapponese Marco Polo, 250.000 copie mensili pubblicati dalla Bungeishunjū, ha pubblicato un articolo di negazione dell’Olocausto firmato dal medico Masanori Nishioka

“L’Olocausto” è una fabbricazione. Non c’erano camere a gas , ne’ queste possiamo desumere che fossero usate come camere di esecuzione di morte ad Auschwitz o in qualsiasi altro campo di concentramento. Oggi ciò che viene visualizzato come “camere a gas” nei resti del campo di Auschwitz in Polonia è una fabbricazione del dopoguerra messa su dal regime comunista polacco sotto l’ovvia regia dell’Unione Sovietica. Non una volta, né a Auschwitz né in nessun territorio controllato dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale, ci furono “omicidi di massa degli ebrei” o nelle c.d.”camere a gas”.

Il centro Simon Wiesenthal di Los Angeles ha istigato un boicottaggio degli inserzionisti della Bungeishunjū, tra cui Volkswagen, Mitsubishi, Cartier, Coca Cola, ed altri.
La Bungeishunjū fu costretta a sbarazzarsi della rivista Marco Polo e del suo editor Kazuyoshi Hanada, e il presidente allora in carica alla Bungei Shunju, Kengo Tanaka, rassegno’ le sue dimissioni.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s