PROFESSORI COME PUTTANE

SORGENTE.

La recente notizia di un uomo libero che ha incastrato gli autonominati Baroni Professori delle Universita’ non mi ha sorpreso. E’ sempre stata una cosa nota, e alle cose note nessuno fa caso finche’ qualcuno piu’ coraggioso tra la massa non vi si ribella contro.

“I Professori si possono comprare come le puttane”.

Confessione al Führer è una lettera di Erwin Schrödinger pubblicata sui giornali tedeschi e austriaci il 30 Marzo 1938. Il Graz Tagespot la pubblico’ con il titolo conosciuto oggi. Il riferimento nella lettera a una scheda elettorale riguarda un referendum che doveva tenersi il 10 aprile di quell’ anno. Il voto quel giorno (sotto la supervisione dei NazionalSocialisti) ottenne il 99,73% a favore dell’Asschluss, cioe’ l’ annessione dell’Austria alla Germania del Terzo Reich; 11.929 furono invece i voti contrari.

La lettera di Schrödinger era nient’altro che un “golpe” propagandistico notevole per i Nazisti e danneggiava la reputazione di Schrödinger stesso all’estero. Max Born, scrivendo a un collega a Oxford, commento’: “Come dovreste credere a un uomo accademico che ha pubblicato una lettera del genere ?” La lettera non impedì a Schrödinger di perdere il suo posto alla Facoltà di Filosofia dell’Università di Vienna il 23 Aprile dello stesso anno su decreto del Ministero Austriaco dell’Istruzione. In una lettera del 19 luglio 1939 a Albert Einstein, scrisse Schrödinger, riguardo al cambiamento del Governo dopo che le forze di Hitler erano entrate in Austria: “Spero che tu non abbia preso sul serio la mia affermazione certamente vigliacca. Volevo rimanere libero – e non potevo rimanere tale se non avessi fatto il doppio gioco“.

Francis Simon disse sulla lettera di Schrödinger: “…mi ha fatto un’impressione terribile” e parlo’ della necessità di “ripristinare la sua reputazione, poiche’ “ , anche il Re di Hannover soleva dire che, “..i professori possono essere acquistati come puttane”.

La Lettera:
“Nel bel mezzo della gioia esultante che pervade il nostro Paese, ci sono oggi anche coloro che in realtà partecipano pienamente a questa gioia, ma non senza vergogna profonda, perché fino alla fine non avevano compreso il giusto cammino. Fortunatamente sentiamo la vera parola tedesca di pace: una mano a chiunque sia disposta ad accettarla, e desideri allegremente stringere questa mano generosamente aperta, mentre ci impegnamo ad essere molto felici, in vera cooperazione e in accordo con la volontà del Führer, siamo autorizzati a sostenere la decisione della sua gente, ora unita con tutta la tua forza.

È veramente fuori di dubbio che per un vecchio austriaco che ama la sua patria, nessun altro punto di vista può essere in discussione; per esprimerlo abbastanza crudamente ogni “no” nella casella di voto è equivalente ad un suicidio nazionale.

Non dobbiamo più essere come prima tra i vincitori della terra e i vinti, ma un popolo unito, che mette tutta la sua forza unita e condivisa per l’obiettivo comune di tutti i tedeschi.

Bene amici,  ecco tutto cio’ sovrasta l’importanza della mia persona, ritengo giusto che la confessione del mio pentimento doveva essere resa pubblica: appartengo anche a coloro che afferrano la mano aperta della pace, perché, nel mio scrittorio, Io ho misurato fino all’ultimo la vera volontà e il vero destino del mio paese. Faccio questa confessione con gioia e sempre piu’ gioia. Credo che stia parlando dai cuori di molti e spero di servire ancora la mia patria…”

Schrödinger ricorda molto Leon Trotsky… Hah!

Advertisements

One thought on “PROFESSORI COME PUTTANE

  1. Pingback: INDICE D’ELEVAZIONE – Mascali 7

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s