THE BLACK DRAGON SOCIETY

La Società del Dragone Nero (Kyūjitai; 黑龍 會; Shinjitai: 黒 竜 会 Kokuryūkai) era un gruppo paramilitare e ultranazionalista del Giappone.

Il Kokuryūkai fu fondato nel 1901 da Uchida Ryohei come successore del suo mentore Mitsuru Tōyama’s Gen’yōsha. Il nome deriva dalla traduzione del fiume Amur, chiamato Heilongjiang o “Fiume del Drago Nero”.

>Kyokuryu-Kai Ensign<

Il Kokuryūkai comprendeva ministri di Gabinetto , ufficiali militari di alto livello e agenti segreti professionali. Tuttavia, con il passare del tempo, si dedico’ ad attività criminali come “mezzo per il fine” in molte delle sue operazioni.

Onisaburo Deguchi, Toyama Mitsuru e Uchida Ryohei fondatori della Black Dragon Society

La Società pubblico’ un diario e gestì una scuola di spionaggio, da cui spedì agenti alla raccolta di  informazioni su attività in Russia, Manciuria, Corea e Cina. Fece anche pressione sui politici giapponesi per adottare una forte politica estera. Il Kokuryūkai sostenne il Pan-Asiatismo e presto’  assistenza finanziaria a rivoluzionari come Sun Yat-sen e Emilio Aguinaldo.

Durante la guerra russo-giapponese, l’annessione della Corea e dell’intervento siberiano, l’Esercito imperiale giapponese utilizzo’ la rete Kokuryūkai per lo spionaggio, il sabotaggio e l’assassinio. Organizzo’ i guerriglieri manchuriani contro i russi, i capi di guerra cinesi. I Draghi Neri condussero una campagna di guerra psicologica di grande successo in combinazione con l’esercito giapponese, diffondendo disinformazione e propaganda in tutta la regione. Agirono anche come interpreti per l’esercito giapponese.

Il Kokuryūkai aiuto’ la spia giapponese, colonnello Motojiro Akashi. Akashi, che non era direttamente un membro dei Draghi Neri, eseguì operazioni di successo in Cina, Manciuria, Siberia e stabilì contatti in tutto il mondo musulmano. Questi contatti in Asia centrale sono stati mantenuti attraverso la Seconda Guerra Mondiale. I Draghi Neri formarono anche reti e addirittura alleanze con sette buddiste in tutta l’Asia.

Tra gli anni 20 e 30, il Kokuryūkai si evolvette in più di un’organizzazione politica principale e attacco’ pubblicamente il pensiero liberale.

Il Kokuryūkai amplio’ le proprie attività in tutto il mondo con agenti stazionati in luoghi diversi, tra cui l’ Etiopia, la Turchia, il Marocco, in tutto il Sud-Est asiatico e Sud America, nonché Europa e Stati Uniti.

Il Kokuryūkai è stato ufficialmente sciolto per ordine delle autorità americane di occupazione nel 1946.

LE ATTIVITA’ NEGLI STATI UNITI.

L’organizzazione esercito’ influenza sui nazionalisti neri con l’obiettivo di suscitare disordini razziali mediante sedizione. Gli afro-americani amavano il simbolismo del drago nero che lotta contro l’aquila americana e il leone britannico (immagine che purtroppo non siamo ancora riusciti a trovare).

Come parte di questo sforzo, inviarono il loro agente, Satokata Takahashi, per promuovere il pan-asiatismo e per diffondere che il Giappone trattasse i neri come uguali ai bianchi. Diventerà anche un patrono della Nazione dell’Islam di Elijah Muhammed.

Mittie Maude Lena Gordon dell’ Etiopia ha affermato di essere affiliata con il Kokuryūkai.

Il 27 marzo 1942, agenti dell’FBI arrestarono i membri della Società Black Dragon nella valle di San Joaquin, in California.

Nel campo di concentramento americano di Manzana un piccolo gruppo di pro-imperiali giapponesi fece sventolare bandiere del Drago Nero intimidendo altri detenuti giapponesi ritenuti piu’ servili nei confronti degli americani.

LINK PER APPROFONDIMENTO:

http://web.archive.org/web/20120315075756/http://www.russojapanesewar.com/dragons.html

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s