LOUIS NATHANIEL DE ROTHSCHILD

Louis Nathaniel de Rothschild  era un barone austriaco (titolo non ereditato ma comprato con i soldi rubati agli europei attraverso l’ usura) della famosa famiglia Rothschild e messo agli arresti dal Governo del Terzo Reich per i suoi crimini ebraici contro il popolo tedesco.

Nacque a Vienna il 5 marzo 1882 e morì di insufficienza cardiaca mentre nuotava in Montego Bay, Giamaica, il 15 gennaio 1955.

Era figlio di Albert Salomon Anselm von Rothschild. Ha posseduto uno spettacolare palazzo a Vienna, il Palais Rothschild, che ospitava una squisita collezione d’arte e oggetti d’antiquariato, ovviamente tutto comprato attraverso l’ usura e il finanziamento delle guerre europee , ad esempio quelle contro Napoleone, ma di questo parleremo in un altro articolo.

Dopo l’Anschluß dell’Austria alla Germania NazionalSocialista nel Marzo 1938, fu arrestato all’aeroporto di Aspern e preso in custodia dai nazisti perché era un membro distinto dell’oligarchia ebraica. Louis de Rothschild era allora capo delle operazioni bancarie austriache della famiglia, e fu detenuto dalla Gestapo. Fu rilasciato solo dopo lunghe trattative tra la famiglia e i vertici del Terzo Reich dietro un pagamento di 21 milioni di dollari, ritenuto il maggior pagamento di riscatto nella storia per qualsiasi individuo. Fu un vero errore rilasciarlo, il Terzo Reich doveva prendere quei soldi e resitutire dignita’ alle migliaia e migliaia di famiglie messe alla fame da questo bastardo, doveva tagliarli la testa e infilarla in un palo ed infine esporla davanti il “Palais”di Vienna finche’ non fosse diventata nient’altro  che polvere.

Mentre era imprigionato, ricevette una visita di Heinrich Himmler. Si narra ma non si sa se sia vero che il porco Rothschild apparentemente impressiono’ il leader delle SS, il quale successivamente ordino’ di migliorare le sue condizioni nel carcere con migliori strutture, come mobilio e igiene. Nonostante le richieste della regina del Regno Unito e forse del duca di Windsor, il porco Rothschild non fu rilasciato ma spostato in altra struttura, l’Hotel Metropole di Vienna. Fu imprigionato almeno fino al Luglio del 1938 e la sua proprietà fu posta sotto il controllo di un “commissario” tedesco. Felix Somary, nelle sue memorie, ricorda che, poco prima dell’ Anschluss, telefono’ al porco Rothschild ripetutamente, in un tentativo disperato di convincerlo a lasciare l’Austria. Il giorno prima dell’ Anschluss, il fratello di Louis, Alphons e sua moglie, lo visitavano in Svizzera, poiche’ voleva tornare in Austria; Li persuase a restare lì, ed anche a far partire i suoi figli, Francesca de Rothschild e Heidi de Rothschild, dall’Austria , pare per muoverli nei Paesi Bassi.

Finalmente ebbe il permesso di lasciare l’Austria, il porco Rothschild sopravvisse fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Tutti i possedimenti di Rothschild furono sequestrati e successivamente “alienati”. Il palazzo della città della famiglia fu distrutto dopo la guerra. Il porco non ha mai ricevuto gran parte delle sue vecchie proprieta’, in quanto la maggior parte dei dipinti sono stati assorbiti dallo Stato Austriaco, che non ha mai permesso ai quadri di lasciare il paese. Nel 1998, oltre 200 opere d’arte sono state restituite agli eredi Rothschild dal Governo Austriaco e sono state collocate al Christie’s a Londra e messe all’asta nel 1999.

Nel 1946 sposò la contessa Hildegard Johanna von Auersperg (1895-1981) e ando’ a vivere nell’East Barnard, Vermont (Stati Uniti) e in Inghilterra. Morì senza figli nel 1955.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s