Roger Dommergue (nome completo Roger Dommergue Polacco de Menasce), è un professore di lingua francese , ebreo, filosofo e saggista, noto per i suoi scritti in materia di medicina alternativa e il suo scetticismo sull’ Olocausto.

Dommergue è un critico del brit milah, il rituale del battesimo giudaico, affermando che la circoncisione infantile eseguita 8 giorni dopo la nascita costituisce un trauma infantile e influisce negativamente sullo sviluppo ormonale. Dommergue afferma che l’ottavo giorno dopo la nascita è l’inizio della prima pubertà che dura per 21 giorni da allora in poi. Egli sostiene che l’endocrinologo Dr.Jean Gautier ha dato prova di questo. Il rabbino una volta avvenuta la circoncisione succhia il sangue dal pene dell’ infante….

Dommergue è un critico dei crediti contemporanei riguardanti l’Olocausto, Hitler, e la Germania NazionalSocialista. Egli è particolarmente critico circa l’affermazione che il numero degli Ebrei uccisi nell’Olocausto e’ inquadrato e stabilito con la smodata cifra di sei milioni, infatti sostiene che non ci fosse questo numero gigante di Ebrei in Germania o nei territori occupati dai tedeschi in Europa in quel famoso quinquennio. Nel 1980, il tedesco , e altro scettico dell’Olocausto, Ernst Zündel era sotto processo in Canada per distribuzione di letteratura critica sull’ Olocausto, Dommergue allora registro’ una cassetta audio di 90 minuti e un piccolo libretto come un affidavit per la difesa di Zündel. Dopo essere stato assolto, Zündel si reco’ in Francia per ringraziare personalmente Dommergue e condusse un colloquio con lui, in cui sono furono discusse le sue opinioni sull’Olocausto, Hitler, e la Germania NazionalSocialista.