BATTLE FOR THE GOLD

gold-75

UPDATE 1: BRIEF-Russia, Kazakhstan and Turkey increase gold holdings in June

_/\___$___/_O_R_O_\___$___/\____
La sola parola evoca una sensazione del prezioso, una sbavatura di bramosia viscerale. Per millenni l’ Oro e’ stato una valuta corrente. Il suo valore e’ rimasto inalterato nel corso del tempo tra tutti i tipi di sistema economico che si sono susseguiti nel corso delle epoche umane.

Dal XIX Secolo man mano che i Governi incominciarono a diventare apparati sempre piu’ perfetti per lenire in un modo o nell’ altro i desideri della bestia uomo, l’ Oro incomincio’ ad essere assorbito in flussi di interesse Federale e Governativo.

L’ Oro ha costruito e distrutto Nazioni.

Senza l’ Oro non si potrebbe sopravvivere in un mondo privo di tecnologia, o dopo il tracollo di una moneta corrente qualsiasi, dopo una catastrofe naturale, non si potrebbe espandere il proprio dominio in nessun settore o territorio, ne’ mantenerlo.

E’ l’ Oro che muove i destini del Mondo.

Ma per quanto paradossale possa sembrarvi la ricchezza in Oro, una sconfinata proprieta’  intesa come vasto possedimento d’ Oro, non e’ sufficiente a salvare il destino di una Nazione.

Germany. The 90th Division, the U.S. Third Army, discovered this Reichsbnk wealth, SS loot, and Berlin museum paintings that were removed from Berlin to a salt mine vault in Merkers, Germany. 04/15/1945 RG-111-SC-205409.tif
Germany. The 90th Division, the U.S. Third Army, discovered this Reichsbnk wealth, SS loot, and Berlin museum paintings that were removed from Berlin to a salt mine vault in Merkers, Germany.

Il Governo Nazista accumulo’ ingenti quantita’ di oro.

Con il termine oro nazista ci si riferisce ai beni che furono trasferiti dalla Reichsbank alla Banca d’Oltremare sul finire della seconda guerra mondiale. Il regime hitleriano infatti effettuò una politica di nazionalizzazione delle banche al fine di coniare moneta propria e, in seguito alla soppressione e all’incameramento dei beni delle famiglie ebree, di attuare il finanziamento della guerra. I beni venivano depositati in sedi specializzate. Il trasferimento dell’oro, valutato al cambio in valuta del momento, avvenne grazie alla collusione di molte istituzioni, la cui identità non è stata ben chiarita, così come non è precisato il volume delle transazioni avvenute.

Che il regime nazista abbia effettuato una politica di sequestro di beni per il finanziamento della guerra, come pure l’asportazione di beni depositati nelle banche, col loro successivo trasferimento dalla Reichsbank dove erano stati depositati, costituisce un insieme di argomenti ben documentati fin dagli anni cinquanta. Molte istituzioni e banche sono state oggetto di accuse e polemici interventi, motivati dall’accusa di una loro possibile acquisizione dell’oro nazista. Il caso è tuttavia tuttora aperto.

Dove e’ finito l’ oro nazista ?

Negli Stati Uniti , nell’ Unione Sovietica e nelle controllate Sioniste.

third-reich-boxes

Tra il 1940 e il 1945, la Reichsbank tedesca ha venduto 1,3 miliardi di franchi per un valore di oro alle banche svizzere in cambio di franchi svizzeri e altra valuta estera, che sono stati utilizzati per comprare strategicamente importanti materie prime come tungsteno e petrolio da paesi neutrali. Centinaia di milioni di franchi del valore di questo oro era oro monetario saccheggiato dalle banche centrali dei paesi occupati. Un totale di un valore d’oro “Melmer” tratto dai prigionieri di Guerra in Europa orientale di 581.000 franchi è stato venduto a banche svizzere.  In totale, gli scambi tra la Germania e la Svizzera hanno contribuito per circa lo 0,5% allo sforzo bellico tedesco .

Nel 1990, una polemica sui beni ebraici in conti bancari dell’epoca ha aperto una  class-action  in Brooklyn, New York, ha spinto il governo svizzero a commissionare lo studio più recente e autorevole di interazione della Svizzera con il regime nazista. La relazione finale da questo gruppo indipendente di studiosi internazionali, noto come la Commissione Bergier,  è stato rilasciata nel 2002.

Gli svizzeri nel quadro dell’accordo di Washington del 1946 hanno pagato 250 milioni di franchi svizzeri agli ebrei, in risposta alle pressioni degli Alleati in materia di oro rubato detenuto dalla Svizzera. La somma rappresenta circa un quinto di tutte le transazioni in oro stimate fatte durante la guerra.

Fort Knox

FORT KNOX
Il Bullion Depository degli Stati Uniti, spesso conosciuto come Fort Knox, è un edificio volta fortificato situato all’interno dell’ United States Army di Fort Knox, Kentucky, utilizzato per memorizzare una gran parte di Stati Uniti riserve auree ufficiali e, occasionalmente, altri oggetti preziosi. Si stima che sia circa il 2,3% di tutto l’oro mai affinato nel corso della storia umana.

Ma Fort Knox potrebbe essere quasi vuoto. Così come gli altri depositi federali sulla costa est e ovest.

Mantenere una Potenza come gli States per come e’ stata mantenuta da piu’ di circa un secolo a questa parte e’ costato e costa.

THE NIXON SHOCK

Nixon_30-0316a

Lo shock Nixon fu una una serie di misure economiche intraprese dal Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon nel 1971, il più significativo dei quali è stato la cancellazione unilaterale di convertibilità diretta del dollaro degli Stati Uniti per l’Oro.

Mentre le azioni di Nixon non aboliscono formalmente il sistema di Bretton Woods esistente di scambio finanziario internazionale, la sospensione di uno dei suoi componenti chiave reso efficace il sistema di Bretton Woods non operativo. Mentre Nixon ha dichiarato pubblicamente la sua intenzione di riprendere la convertibilità diretta del dollaro dopo le riforme del sistema di Bretton Woods era stato attuata, tutti i tentativi di riforma hanno avuto successo. Nel 1973, il sistema di Bretton Woods è stato sostituito di fatto da un regime basato sulle valute fiat liberamente fluttuanti che rimane in vigore fino ai giorni nostri.

Il 15 agosto 1971, Nixon sospende la convertibilità del dollaro in oro e chiede al consiglio del F.M.I una riforma d’insieme mettendo in discussione il sistema aureo. Gli USA, a causa del loro deficit, devono rimborsare in oro i dollari, questo provoca un’emorragia delle loro riserve auree. Se la situazione restasse così, ci sarebbe un obbligo di un maggior rigore di bilancio, ma la demonetizzazione dell’oro permise agli USA e ad altri paesi di conservare un deficit in maniera regolare.
A seguito dell’annuncio – noto come lo shock Nixon – che il dollaro non poteva più essere scambiato per oro la “Gold window” viene chiusa.
Legare una moneta all’oro risultava quindi riduttivo per le nazioni che imponevano la loro moneta su singoli mercati, per la sua scarsità (se commisurato alla domanda di moneta), e si diffondeva inoltre l’idea che la moneta circolava perché legata alla fiducia dei suoi utenti più che alle riserve auree o di altra natura.
Al fine di mantenere l’equilibrio di Bretton Woods e il tasso di cambio tra dollaro e oro, gli Stati Uniti si trovano di fronte a due scelte non conciliabili:

  • mantenere una bilancia dei pagamenti di conto corrente in deficit per fornire liquidità per la conversione dell’oro in dollari USA. Con più di dollari nel sistema, il cittadino ha cominciato a speculare, pensando che il dollaro USA fosse sopravvalutato. Ciò significava che gli Stati Uniti avevano meno oro quando la gente ha iniziato convertire i dollari USA per l’oro con la possibilità di reperirlo oltre oceano. Con meno oro nel paese ci furono ulteriori speculazioni.
  • ottenere un surplus della bilancia dei pagamenti di conto corrente per mantenere la fiducia nel dollaro statunitense.

Quindi gli Stati Uniti si trovarono di fronte a un dilemma poiché non è possibile eseguire un saldo della bilancia dei pagamenti di conto corrente in deficit (per mantenere la richiesta di moneta dall’estero) e surplus (per mantenere la fiducia nella moneta) allo stesso tempo.

towers_hit

-What if the twin towers attacks were just a cover for the largest gold heist in history ?

-Cosa accadrebbe se l’attacco ed il crollo delle Twin Towers  fossero stati soltanto una copertura per il piu’ grande colpo all’ Oro nella Storia ?

Cosa sta accadendo attualmente e cosa e’ dato sapere e’ come mettere insieme sparsi frammenti di informazioni.

Nel mese di maggio 2014, la Banca d’Italia, che ha il terzo delle più grandi di riserve d’oro, dopo gli Stati Uniti e la Germania, ha concluso anni di segretezza rivelando le posizioni delle sue partecipazioni. Citando i rimpatri tedeschi, la banca centrale ha detto che circa la metà del suo oro è a Roma, e la maggior parte del resto è sotto la Federal Reserve di New York. Poi nel mese di novembre, la banca centrale olandese ha annunciato di aver segretamente trasferito 122,5 tonnellate di oro da New York a Amsterdam. A quanto pare in pochi mesi, gli olandesi avevano spedito quasi 25 volte l’oro che la Germania trasferì nel corso di tutto il 2013. “Al di là di realizzare una più equilibrata distribuzione dello stock di oro tra le diverse posizioni, questo può anche avere un effetto positivo sulla fiducia del pubblico,” la banca olandese ha detto nel suo annuncio. Poco dopo, il leader anti-euro della Francia, e anti-immigrazione del Fronte Nazionale del partito, Marine Le Pen, ha chiesto alla Banca di Francia una verifica indipendente del suo oro e di rivelare qualsiasi prestito o impegni finanziari connessi alle riserve.

Alla fine di novembre, un referendum in Svizzera lanciato per rimpatriare alcune partecipazioni in oro non e’ passato, ma ha portato la banca centrale del paese a rivelare posizioni e quantità del suo oro per la prima volta. I politici svizzeri stanno spingendo per di più. “Voglio una chiara ispezione in cui si dispone di un elenco di tutti i lingotti d’oro, dove è scritto che si tratta di oro fino e appartiene solo alla Svizzera”, afferma Lukas Reimann, il membro del parlamento svizzero che ha guidato il referendum.

Il 19 gennaio, la Bundesbank ha pubblicato un conteggio dei suoi 2014 rimpatri d’Oro. Nel corso dell’anno, la banca centrale tedesca aveva ricevuto 85 tonnellate da New York a Francoforte, mentre il suo obiettivo rimane quello di 300 tonnellate restituiti entro il 2020.

La Bundesbank ha approfittato del transfer da New York per avere circa 50 tonnellate di oro fuso e rifuso in base allo standard di Londra Good Delivery. Controlli a campione non hanno trovato alcuna irregolarità. Eppure, ogni traccia di identificazione dell’ Oro originale era stata spazzata via. 

Ref.http://www.bloomberg.com/news/features/2015-02-05/germany-s-gold-repatriation-activist-peter-boehringer-gets-results

Russian Prime Minister Vladimir Putin (C) holds a gold bar while visiting the Central Depository of the Bank of Russia next to Georgy Luntovsky (L), first deputy chief of the Central Bank of Russia, on January 24, 2011 in Moscow. AFP PHOTO/ALEXSEY DRUGINYN/RIA NOVOSTI (Photo credit should read Alexsey Druginyn/AFP/Getty Images)
Russian Prime Minister Vladimir Putin (C) holds a gold bar while visiting the Central Depository of the Bank of Russia next to Georgy Luntovsky (L), first deputy chief of the Central Bank of Russia, on January 24, 2011 in Moscow.

La Cina e la Russia di Putin stanno accumulando ingenti quantita’ di oro gia’ da quasi un decennio.

Le decine di Compro-Oro che sono saltati fuori in questi anni di crisi, prima che il prezzo dell’ Oro incominciasse a scendere di nuovo, non hanno fatto altro che fare gioco facile ad una ingente acquisizione di altro Oro versato dalle famiglie ridotte alla fame.

Nel 2010 Wikileaks ha pubblicato un cablogramma dove si dimostra che gli States influiscono nei mercati monetari mondiali al fine di tenere il prezzo dell’ Oro piu’ basso possibile :

“..Attualmente, la maggior parte delle sue riserve d’oro sono state localizzate nei paesi americani ed europei. Gli Stati Uniti e l’Europa hanno sempre soppresso l’aumento del prezzo dell’oro. Essi intendono indebolire la funzione dell’oro come valuta di riserva internazionale. Non vogliono vedere altri paesi rivolgersi a riserve d’oro al posto del dollaro o euro. Pertanto, sopprimendo il prezzo dell’oro è molto vantaggioso per gli Stati Uniti al fine di mantenere il ruolo del dollaro USA come moneta di riserva internazionale. Aumentando le riserve d’oro della Cina sara’ quindi agire come un modello e condurre altri paesi verso la riserva di più oro. Le grandi riserve d’oro sono anche utili nel promuovere l’internazionalizzazione dell’ RMB.

wikileaks-top-secret3

 

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s