BERNILE

hand_in_hand

In questo triste giorno che i ladri , i corrotti ed i codardi chiamano “Liberazione” dal NaziFascismo, voglio scrivere di Bernile…

Bernhardine Nienau nacque il 20 Aprile 1926 a Dortmund, ma venne chiamata fin da subito Bernile. Nella primavera del 1933 era nelle prime file del flusso di visitatori all’ Obersalzberg e catturo’ l’ attenzione di Hitler. Da un semplice contatto tra un leader e una bambina nacque una “amicizia” che durò fino alla fine dei pochi anni che consumo’ in questo pianeta. Negli Archivi federali a Berlino sono custodite almeno 17 lettere di questa ragazza che , almeno quelle scritte in tenera eta’ furono scritte probabilmente con l’aiuto della madre.

“Monaco. 27 settembre 1936. Caro zio Brückner! Oggi vi racconto un sacco di cose. Durante le vacanze siamo stati sull’Obersalzberg e sono stata due volte dal caro zio Hitler!  […] Ora ho lavorato sull’opera di Natale. […] Sto preparando un paio di calzini di maglia per lo Zio Hitler , gli ho chiesto se ha la stessa misura dell’anno scorso. Ha detto Sì! Quest’anno sono riuscito a lavorare la lana per una fine maglia, per solo il tallone mi aiuta Mutti. Sono molto calde; lo Zio è sempre in viaggio così tanto, egli non dovrebbe avere freddo ai piedi. […] Da Mutti anche molti saluti e tanti saluti pure da me, La vostra Bernile! “

Hitler_and_Bernile_1a

HITLER E BERNILE – ARCHIVIO FOTOGRAFICO

Nonostante la Gerarchia Nazista intorno ad Hitler sapesse , come adesso lo saprete pure voi, che Bernile e sua madre fossero di discendenza ebraica, quindi ebree, Hitler si rifiuto’ di starli a sentire , anzi ordino’ che fossero fatte eccezioni alle leggi razziali di Norimberga per i “mezzosangue”.

Quando il ministro del Reich , Martin Bormann , proibì sia alla madre che alla figlia di continuare a comparire al Berghof, Hitler , che venne  a sapere di questo in modo indiretto, poiche’  il suo fotografo personale , Heinrich Hoffmann , si era lamentato proprio con lui per il divieto di Bormann di continuare a pubblicare le foto scattate con la piccola Bernile, il Fuhrer disse : “Ci sono persone che hanno un vero talento a rovinare tutte le mie gioie…” . La madre di Bernile approfitto’ della sua influenza verso il leader per ottenere un adeguamento della pensione del defunto marito. Bernile morì il 5 ottobre 1943,  all’età di 17 anni nell’ospedale di Schwabing a causa della poliomielite. La sua tomba si trova sul Westfriedhof a Monaco di Baviera.

TRIVIA:

Hitler chiamava Bernile il suo “piccolo tesoro”.

Tra il 1936 ed il 1938 I Nienau furono ospiti privilegiati al Berghof.

Adolf e Bernile condividevano lo stesso compleanno, il 20 aprile.

La foto è stata scattata nel 1933 insieme al fiore preferito di Hitler e dei Nazionalisti cioe’  l’Edelweiss . Ha una dedica scritta a mano da Hitler in cui si legge: Der lieben und Braven Rosa Nienau, Adolf Hitler, München, den 16 / Giugno 1933 (Per la mia cara e buona Rosa Nienau, Monaco di Baviera, 16 giugno 1933 Adolf Hitler).

Hitler_and_Bernile_2

APPROFONDIMENTO SUI SOLDATI NAZISTI MEZZOSANGUE( HALF BREED)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s