CRITICAL MASS

calhoun-and-the-mice

Letologo John B. Calhoun ha coniato il termine “Affogamento comportamentale” per descrivere il crollo in un comportamento portato da sovraffollamento. Nel corso di un certo numero di anni, Calhoun ha condotto esperimenti sulla popolazione dei ratti Norvegia (1958-1962) e topi (1968-1972). 

Calhoun ha coniato il termine “Affogamento comportamentale” il 1 febbraio 1962 in un rapporto intitolato densità di popolazione e patologia sociale nel settimanale Scientific American sul esperimento del ratto. Il lavoro di Calhoun venne usato come un modello animale sull collasso della società, e il suo studio è diventato un punto di riferimento della sociologia urbana e della psicologia in generale .

Nello studio del 1962 Calhoun ha descritto il comportamento come segue:
“Molti [ratti di sesso femminile] sono stati in grado di portare la gravidanza a termine o sono sopravvisute fino alla “consegna” delle loro cucciolate. Un numero ancora maggiore, dopo aver partorito con successo , sono venute meno nelle loro funzioni materne. Tra i maschi i disturbi del comportamento variava da deviazione sessuale al cannibalismo e da iperattività frenetica a un ritiro patologico da cui gli individui dovrebbero emergere per mangiare, bere e muoversi solo quando gli altri membri della comunità dormivano. L’organizzazione sociale degli animali ha mostrato uguali interruzioni. […]

La fonte comune di questi disturbi è diventata più drammaticamente evidente nelle popolazioni della nostra prima serie di tre esperimenti, nei quali abbiamo osservato lo sviluppo di quello che abbiamo chiamato un affogamento comportamentale. Gli animali si sarebbero affollati insieme in grande numero in una dei quattro nidi di interconnessione in cui è stata mantenuta la colonia.  60 degli 80 topi in ogni popolazione sperimentale si sarebbe assemblata in un nido durante i periodi di allattamento. I ratti raramente avrebbero mangiati da soli se non in compagnia di altri topi. Di conseguenza la densità di popolazione estrema sviluppata nel primo nido ha fatto adottare un comportamento per mangiare, lasciando gli altri con popolazioni sparse.

[…] Negli esperimenti in cui l’ affogamento comportamentale si e’ sviluppato, la mortalità infantile e’ salita verso il 96% tra i gruppi più disorientati nella popolazione. […]

Calhoun avrebbe continuato i suoi esperimenti per molti anni, ma la pubblicazione dell’articolo del 1962 mette il concetto di dominio pubblico, dove ha messo radici nella cultura popolare come analogia per il comportamento umano.

Calhoun si è ritirato dal NIMH nel 1984, ma ha continuato a lavorare sui suoi risultati di ricerca fino alla sua morte, avvenuta il 7 settembre 1995.

Esperimenti
I primi esperimenti di Calhoun con i ratti sono stati effettuati su terreni agricoli a Rockville, nel Maryland, a partire dal 1947.

Mentre Calhoun stava lavorando alla NIMH nel 1954, ha iniziato a numerosi esperimenti con ratti e topi. Durante i suoi primi test, ha messo in giro da 32 a 56 roditori in un casotto di 10 x 14 piedi montato in un granaio nella contea di Montgomery. Egli ha separato lo spazio in quattro sale. Ogni camera è stata creata appositamente per supportare una dozzina di maturi marroni ratti norvegesi. I ratti potevano girare tra le stanze utilizzando le rampe. Dal momento che Calhoun ha fornito risorse illimitate, come l’acqua, il cibo, e anche la protezione dai predatori così come la malattia e il tempo, i ratti furono considerati essere in “un’utopia ratto” o “paradiso del mouse”, ha spiegato un altro psicologo.

Dopo i suoi primi esperimenti con i ratti, nel 1972 Calhoun avrebbe poi creato la sua “mortalità di inibizione in un Ambiente per topi”: una gabbia quadrata 101-pollici per topi con cibo e acqua rifornito per supportare qualsiasi aumento della popolazione, che prese tuttavia il suo sperimentale approccio con i suoi limiti. Nel suo più famoso esperimento della serie, “Universo 25”, la popolazione ha raggiunto un picco a 2.200 topi e successivamente esposto una varietà di comportamenti, spesso distruttivi anomali. Il giorno 600 °, la popolazione era in via di estinzione.


Influenza del concetto

L‘articolo del 1968 sullo Scientific American arrivo’ in un momento in cui la sovrappopolazione era diventata un oggetto di grande interesse pubblico, e ha avuto una notevole influenza culturale. Lo studio è stato fatto in riferimento diretto di alcune opere di narrativa, e potrebbe essere stato sotto l’influenza di molti altri.

Calhoun aveva formulato gran parte del suo lavoro in termini antropomorfi, in un modo che le sue idee fossero altamente accessibili ad un pubblico laico. Tom Wolfe ha scritto a proposito del concetto nel suo articolo “Oh Rotten Gotham! Scorrendo lungo l’ Affogamento comportamentale”, per poi essere trasformato nell’ultimo capitolo di The Pump House Gang.  Lewis Mumford anche fatto riferimento al lavoro di Calhoun nel suo “La città nella storia” , affermando che
“Nessuna piccola parte di questo brutto imbarbarimento è stato a causa di pura congestione fisica: una diagnosi ora in parte confermata con esperimenti scientifici con i ratti – per quando essi sono posti in ambienti altrettanto congestionati, che presentano gli stessi sintomi di stress, l’alienazione, l’ostilità, la perversione sessuale, l’incompetenza dei genitori, e la violenza rabbiosa che ora troviamo nelle megalopoli. “

Il lavoro di Calhoun è stato oggetto di riferimento nei fumetti, tra cui Batman e 2000 AD.

Calhoun vide la sorte della popolazione di topi come metafora per il potenziale destino dell’uomo. Ha caratterizzato la composizione sociale come “morte spirituale”, con riferimento alla morte del corpo come la “seconda morte” di cui parla il libro biblico di Rivelazione 02:11

“Il lavoro di Calhoun con i ratti ha ispirato il libro del 1971 per bambini, Mrs. Frisby and the Rats of NIMH, di Robert C. O’Brien, che è stato adattato in un film d’animazione del 1982, Il segreto di NIMH”.

Una Polemica esiste sulle implicazioni dell’esperimento. L’esperimento dello psicologo Jonathan Freedman reclutato da scuole superiori e studenti universitari al fine di effettuare una serie di esperimenti che hanno misurato gli effetti della densità sul comportamento. Ha misurato il loro stress, il disagio, l’aggressione, la competitività, e la sgradevolezza generale. Egli ha dichiarato di aver trovato effetti negativi significativi nel 1975. I ricercatori hanno sostenuto che “il lavoro di Calhoun non era semplicemente per densità in senso fisico, come numero di individui-per-quadrato-unità-zona, ma era piuttosto sui gradi di interazione sociale.” 

CRITICAL MASS

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s