THE WHITE MARCH

Screen-Shot-2016-03-03-at-7.26.20-PM-1

E’ qualcosa di epico, di risolutivo. Studenti Bianchi della Cornell.Edu si preparano a marciare in difesa dei loro diritti, e del futuro della loro razza. Un esempio che dovrebbe e deve essere copiato in ogni gruppo studentesco di ogni Stato,Regione della Civilizzazione Anglosassone ed Europea.

SOURCE.

Due studenti anonimi dell’Unione Studenti di White Cornell sostengono che il gruppo rilascerà una richiesta all’amministrazione della Cornell nei prossimi giorni al fine di organizzare una marcia di studenti bianchi.


In un’intervista con il Sun , gli studenti chiamati l’unione di un “gruppo per i diritti civili”, con oltre 140 membri, hanno affermato che essi prevedono anche di ospitare marcia bianca degli studenti e scandita con slogan attraverso una serie di altoparlanti.
Mentre i due studenti hanno rifiutato di fornire i loro nomi completi, citando preoccupazioni per la loro sicurezza, sono stati raggiunti d auna telefonata di un “sostenitore esterno” il bianco e nazionalista Andrew Auernheimer – comunemente noto on-line come  “Weev.”
L’Unione di White Cornell aveva prima ricevuto l’attenzione del pubblico dopo la pubblicazione di una lettera aperta sulla sua pagina di Facebook, il 3 marzo , descrivendo il loro gruppo come “una comunità di studenti bianchi che desiderano conservare e promuovere la loro razza.”
In un’intervista del 17 marzo con il Sun, condotta online sulla piattaforma UberConference, i due studenti anonimi e Auernheimer hanno detto che sentono la necessità di garantire la sicurezza degli studenti bianchi del campus.
“Sono anonimo in questo momento perché ho paura dei miei compagni e della direzione in cui stanno andando”, ha detto uno dei due studenti anonimi, che si è identificato durante il colloquio con il nome utente Billy Jessup. “Alcune di queste persone sono un po’ troppo motivate a essere aggressive verso i bianchi.”
Hanno anche detto che parte della missione del loro sindacato è quello di combattere le richieste degli studenti neri che sono state consegnate all’amministrazione nel mese di Novembre. Queste richieste includono il rinominare i Plantations Cornell e la creazione di corsi obbligatori per tutti gli studenti sui sistemi di potere e privilegio.
“In questo momento l’amministrazione è ricettiva a BSU. Vogliamo che ritrattino le loro precedenti dichiarazioni “, ha detto uno degli studenti anonimi, che ha detto era al secondo anno presso la Scuola di Relazioni Industriali di lavoro ed è stato identificato durante l’intervista solo da un numero di telefono con un codice di zona 603 . “Vogliamo che il nome delle Cornell Plantations rimanga così come e’. Vogliamo il BSU sciolto e un più giusto il dialogo sulla questione della razza “.
Il gruppo ha anche criticato quello che chiamavano il tentativo di BSU di promuovere un programma di “rieducazione razziale”, indicando le chiamate di BSU per un requisito corso di diversità e una maggiore diversità nel personale del centro di risorse di Gannett , il servizio sanitario.
“Vogliono avere terapisti neri nella Gannett per assicurare che essi possano comprendere le minoranze, perché non si sentono come se fossero comprese,” uno degli studenti anonimi detto. “Non ci sono solo i bianchi [nel Gannett attualmente]. Troviamo questo assolutamente ridicolo…
In risposta a quanto sostenuto dagli studenti anonimi, un rappresentante di BSU ha detto, “Fino a quando i membri dell’ Unione di White Cornell studenti si rivelano, le loro opinioni circa le nostre richieste, la nostra organizzazione e la nostra gara non sono di conseguenza.”
In risposta alle domande riguardanti la legittimità e l’anonimato del gruppo, gli studenti hanno detto che i membri del sindacato scelgono di rimanere anonimi e di  incontrarsi segretamente in piccoli gruppi, perché sono preoccupati per la loro sicurezza.
“Dal momento che le persone hanno iniziato e hanno cercato di screditarci “, uno degli studenti anonimi detto. “Loro non vogliono credere che una voce come la nostra potrebbe esistere in un campus così liberale, con una polarizzazione così liberale.”
“Fino a quando i membri dell’Unione di White Cornell non si rivelano, le loro opinioni circa le nostre richieste, la nostra organizzazione e la nostra gara non sono in discussione.” , ha detto un Rappresentante Nero degli Studenti.
Gli studenti anonimi hanno affermato che l’unione è costituita da 140 / 170 membri, con da 20 / 30 studenti laureati e laureandi provenienti da almeno sei collegi universitari presso la Cornell. Mentre il gruppo prevede di consegnare le richieste all’amministrazione Cornell presto, l’Unione non ha avuto alcun contatto con l’amministrazione Cornell ancora e non è ufficialmente registrato con l’Università, secondo gli studenti.

Screen-Shot-2016-03-18-at-4.15.05-PM
Gli studenti hanno anche detto che il campus Cornell presto riconoscera’ la legittimità del gruppo quando il sindacato organizzera’ una “marcia di studenti bianchi e bianchi attivisti per i diritti civili”, con il sostegno finanziario e logistico di un sito web per la supremazia della razza bianca, The Daily Stormer.
Auernheimer ha detto che The Daily Stormer ha fornito all’unione una borsa di $ 500 e ha detto che ha intenzione di essere uno degli oratori nella serie di conferenze che il gruppo si propone di avviare.
“The Daily Stormer è coinvolto in una serie di in iziative per aiutare i sindacati degli studenti bianchi , e anche qualche tipo di comunicazione che fornisce il supporto finanziario, ha detto Auernheimer, che ha già scritto per The Daily Stormer . “Quindi stiamo fornendo un piccolo contributo per l’unione degli studenti bianchi a Cornell, e fornisco assistenza logistica e sarò uno speaker nella discussione post marcia.”
I due studenti anonimi hanno detto che la formazione del sindacato e la lettera aperta hanno ricevuto reazione mista nel campus, aggiungendo che nonostante le critiche significative, molti studenti hanno raggiunto il gruppo attraverso la loro pagina di Facebook per affrontare obiettivi e intenzioni.
“Un sacco di persone ci  hanno raggiunto attraverso la pagina e hanno detto che questo è un dialogo che abbiamo bisogno di avere”, ha detto uno studente. “Anche se non supportano l’attivismo bianco, credono che le preoccupazioni che abbiamo sono legittime”.
Gli studenti hanno anche detto che il gruppo inizialmente ha cercato di lavorare con le organizzazioni studentesche al fine di organizzare una serie di interventi da palco, sostenendo che essi hanno in precedenza e senza successo tentato di convincere l’International Students Union di sponsorizzare il giornalista Milo Yiannopolous.
La
ISU ha smentito questa affermazione, dicendo che i membri del loro consiglio di amministrazione non hanno avuto alcun contatto con l’Unione di White Cornell e il gruppo non ha intenzione di collaborare su una serie di interventi, secondo un membro del consiglio esecutivo ISU.
“ISU si trova in forte solidarietà con la tutela e la difesa degli interessi e rappresentanza delle comunità di minoranze, tra cui la comunità internazionale degli studenti alla Cornell,” il rappresentante ha detto. “Siamo fortemente contro tutte le forze che minacciano di danneggiare o indebolire il tessuto pluralista di questo campus.”
Gli studenti anonimi hanno denunciato di essere etichettato come un “gruppo di odio” e hanno detto i membri dei sindacati non sono razzisti. Invece, si sono descritti come “studenti bianchi solo molto preoccupati.”
“Non siamo considerati come le minoranze. Siamo considerate privilegiati, e lentamente c’è stato questo il dialogo delle minoranze che hanno bisogno di avere determinati diritti “, ha detto uno studente anonimo. “Non hanno diritti già ? Mi dispiace, devo avere frainteso. Ma quando si tratta di me è una storia diversa, non è vero? ”
Gli studenti e il loro sostenitore esterno hanno sottolineato che il loro gruppo è legittimo e i suoi progetti proposti sono necessari al pari di altri.
“Questo è in arrivo, questo sta per accadere, non c’è niente che si può fare al riguardo”, ha detto uno studente. “I bianchi sono stufi di essere trattati come una minoranza. Lo capisci?”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s