BLETCHLEY PARK : IL NEMICO E’ IN ASCOLTO

blpark

____________SOURCE.

Nel suo libro, THE ULTRA SECRET, pubblicato per la prima volta nel 1974, l’autore Frederick W. Winterbotham ha rivelato, per la prima volta, che il servizio di intel britannico fu in in grado di intercettare quasi tutte le comunicazioni radio militari tedesche da una data molto antecedente allo scoppio della seconda guerra mondiale.

Come capitano della Royal Air Force e funzionario del Servizio di intelligence militare, Winterbotham ha supervisionato il lavoro del Code & Cipher nella scuola pubblica a Bletchley Park, dove i crittoanalisti per primi hanno decifrato il codice “Enigma”, usato nelle macchine di cifratura tedesche per rimescolare i messaggi trasmessi dall’ esercito, dalla marina e dalla aviazione tedesca.

Ma il personale di Bletchley Park era in grado di molto più che analizzare i messaggi militari tedeschi. Nel 1981, il crittanalista Francis H. Hinsley ha pubblicato il secondo volume del suo libro : I segreti britannici nella Seconda Guerra Mondiale. Hinsley rivela che l’intel britannica intercettava i segnali radio trasmessi dalla polizia tedesca, SD e SS. Questo ha permesso ai britannici di ottenere non solo informazioni attendibili su eventi dietro il fronte russo, ma anche sugli eventi nei campi di concentramento tedeschi.

Il 19 maggio 1997, il governo britannico ha trasferito i documenti decodificati in Bletchley Park  all’Ufficio del Public Records di Londra, rendendoli accessibili al pubblico per scopi di ricerca. Stranamente, solo pochissimi storici dell’Olocausto sono interessati alle informazioni sui campi di concentramento. La ragione di questa sorprendente mancanza di interesse è probabilmente dovuta alla seguente osservazione di Hinsley:

“I messaggi da Auschwitz, il più grande campo, con 20.000 detenuti, menzionano le malattie come la causa principale di morte, ma anche includono riferimenti ad esecuzioni per impiccagione e fucilazione. I messaggi decodificati non contengono riferimenti a esecuzioni mediante gas.”

Il presente articolo ha lo scopo di riassumere le informazioni ottenute a Bletchley Park sugli eventi nel campo di concentramento di Auschwitz. Nonostante la dichiarazione inequivocabile di Hinsley, l’Intel britannica continua a dar luogo ad una molteplicità di interpretazioni e speculazioni, proprio come prima. Allo stesso tempo, la questione di ciò che i britannici “sapevano sull’Olocausto” ha sempre avuto la priorità su tutto il resto.

Come mostrato dai documenti di Bletchley Park, il comandante di Auschwitz doveva presentare un rapporto ogni singolo giorno. Con l’eccezione di Domenica, questi messaggi consistevano in rapporti quotidiani sulla popolazione [Bestand], gli arrivi [Zugänge], e le partenze [Abgänge] dai campi di concentramento. Per più di tredici mesi, dal gennaio 1942 al gennaio 1943, l’Intel Britannica  ha decodificato questi rapporti dal campo di concentramento di Auschwitz dagli uffici del SS Responsabile Business Administration [Wvha] a Oranienburg.

I messaggi decodificati hanno permesso la compilazione di statistiche molto precise. I messaggi radio dal 28 ottobre 1942 – prendendo un solo giorno a caso – rivelano, per esempio, che Auschwitz conteneva un totale di 25.298 detenuti: 18,754 uomini e 6.544 donne; tra cui 10.755 ebrei, 8.822 polacchi, 1.369 russi , 1.578 tedeschi. E ‘stato anche appreso che ci sono stati esattamente 787 Zugänge e 168 Abgänge il 28 luglio 1942; Zugänge cui l’arrivo di nuovi detenuti; Abgänge cui morti, esecuzioni, rilasci e detenuti trasferiti in altri campi.

Questi messaggi radio quotidiani contenevano anche informazioni aggiuntive relative ad Auschwitz. Così, fu segnalato, ad esempio, che gli orologiai ebrei venivano trasferiti a Sachsenhausen Concentration Camp; che i lavoratori polacchi potevano essere inviati solo altrove [verschickt] dopo il rilascio dalla quarantena; che i prigionieri di guerra britannici erano considerati urgente al lavoro come kapò.

Per quanto riguarda l’Olocausto, le Abgänge erano naturalmente di particolare interesse. In realtà, il numero mensile di Abgänge nel 1942 ha oscillato in un modo insolito. Mentre il numero di Abgänge normalmente era pari a circa 2.000 detenuti al mese, c’è stato un grande aumento di queste cifre nei mesi di luglio, agosto, settembre e ottobre. Ad esempio, 8.352 Abgänge sono stati segnalati per il mese di agosto 1942.

Come è evidente dai messaggi radio, questo numero insolitamente alto di Abgänge era dovuto ad una epidemia di tifo a Auschwitz. Il tifo, a volte noto anche come “febbre di campo”  e , come è noto, e’ trasmesso da pulci e pidocchi; in cattive condizioni igieniche apparirà inevitabile in quasi qualsiasi campo di prigionia. Secondo i messaggi radio decodificati, le autorità di Auschwitz hanno impiegato circa quattro mesi per portare l’epidemia sotto controllo. I numeri sono diminuiti di nuovo verso il basso per il valore medio di circa 2.000 Abgänge al mese tra il novembre e il dicembre 1942.

Dr. Eduard Wirths, capo delle SS medico (SS-Standortarzt) al campo di concentramento di Auschwitz dal settembre 1942 al gennaio 1945. Wirths è il terzo da destra in prima fila

dr_eduard_wirths

Il Campo di concentramento di Auschwitz, come già detto, aveva chiesto un successore per il loro attuale medico in servizio dal mese di agosto 1942. Questo successore, che ha assunto la sua veste ufficiale il 6 settembre 1942, è stato il dottor Eduard Wirths. Nelle sue note, Wirths ha lasciato un rapporto sulle condizioni di Auschwitz in quel momento:
“Ho trovato le condizioni dei detenuti inconcepibili. Non c’era acqua corrente, senza servizi igienici di lavoro, senza modo di fare il bagno. La caserma alloggio dei prigionieri e’ stata riempita troppo e c’era una carenza di posti letto. C’erano masse di pidocchi in tutto il pavimento, vestiti e corpi dei detenuti. Le pareti erano nere per via delle pulci. La condizione dei detenuti era semplicemente incredibile, emaciati per le loro ossa, divorati da parassiti, cadaveri in giro tra i detenuti in vita. Centinaia di detenuti che muoiono sono stati portati via, ma a volte sono deposti intorno ai vivi per giorni.”

Era evidente che l’epidemia si sarebbe diffusa al personale di guardia. Le intercettazioni Bletchley Park hanno riferito, per esempio, che, il 4 settembre “l’intero campo è stato sottoposto a quarantena”  e “nel mese di ottobre, 11 uomini delle SS sono stati ricoverati in ospedale con sospetto di tifo.”

Wirths riuscì momentaneamente a portare l’epidemia sotto controllo con la costruzione di caserme aggiuntive, infermerie, l’installazione di scarichi aggiuntivi e tubi di acqua, latrine e l’uso mirato di misure volte a combattere l’infezione:

Attraverso la camera dei medici [Ärztekammer], abbiamo applicato per il permesso di distribuire pane bianco e latte. Invece di acqua potabile inquinata, mi sono preso cura di distribuire bevande come caffè e tè. Ho ordinato l’organizzazione di cucine da campo per i detenuti che lavorano, a causa delle grandi distanze tra i cantieri e le loro abitazione. Quando la costruzione di cucine da campo era impossibile, ho ordinato che il cibo caldo fosse consegnato ai cantieri con un veicolo. Ho chiesto il permesso di consentire il recupero di detenuti al fine di raccogliere verdure selvatiche, ed erbe medicinali. Allo stesso tempo, ho voluto donne ebree confinate dall’amministrazione del campo al fine di essere in grado di muoversi all’aria aperta. Ho chiesto il riposo per i detenuti fisicamente indeboliti, e anche la costruzione di nuove baracche.”

La lotta del Dr. Wirths contro le epidemie deve essere stata una vera e propria fatica di Sisifo. Ovviamente, nuovi casi di tifo sono arrivati al campo con ogni nuovo trasporto ferroviario. Così, il 28 gennaio 1943, Bletchley Park ha pubblicato un rapporto secondo il quale “ci sono stati 36 casi di tifo tra i detenuti che arrivarono il 22 gennaio.”

L’INIZIO DELLA JEWISH DECEPTION.

Nell’estate del 1942, apparvero relazioni ebree relative ad omicidi di massa su scala industriale ad Auschwitz. Secondo questi rapporti, 2.000 detenuti erano stati uccisi nelle camere a gas tutti i giorni. Poiché il numero di Abgänge riferito è pari a circa 2.000 detenuti al mese, e non 2.000 detenuti al giorno, l’Intel britannica ha respinto questi rapporti come propaganda di guerra. Così, il presidente del Comitato Joint Intel britannica, Victor Cavendish-Bentinck, il 27 agosto 1943, ha scritto che i rapporti di polacchi ed ebrei erano privi di ogni fondamento nei fatti:

Le accuse di esecuzioni di massa nelle camere a gas ricordano le storie di atrocità dell’ultima guerra, in base alle quali i tedeschi tramutavano dai cadaveri il grasso – una menzogna grottesca, che è stato subito smascherata come pura propaganda.”

Il primo storico a cui fu concesso il permesso di esaminare i messaggi decifrati da Bletchley Park è stato Richard Breitman. Nel suo libro, I segreti ufficiali: quello che i nazisti pianificarono, quello che gli inglesi e gli americani sapevano, pubblicato nel 1998, Breitman fa gravi accuse contro gli Alleati. Come indicato nella traduzione posteriore : I crimini nazisti tollerati dagli Alleati, accusa gli americani ed i britannici di aver saputo dell’ Olocausto fin dall’inizio, ma di aver deliberatamente nascosto queste informazioni. In particolare, ha accusato Cavendish-Bentinck del rifiuto delle “Informazioni da fonti polacche ed ebraiche come inventate.” Questa accusa è, tuttavia, del tutto ingiustificata. Perché Cavendish-Bentinck doveva accordare credibilità a rapporti inaffidabili quando era in possesso di messaggi radio molto affidabili provenienti direttamente dalla stessa Auschwitz ?

Che Cavendish-Bentinck respinse la credibilità delle informazioni provenienti da fonti sotterranee polacchi ed ebrei è tanto più comprensibile quando si leggono alcuni dei documenti citati da Breitman. Così, ad esempio, riferisce che “un corriere clandestino polacco era riuscito a fuggire a Londra” aveva fatto le seguenti dichiarazioni sul Campo di concentramento di Auschwitz:

Ho vissuto un paio di settimane ad Auschwitz. […] In base alle informazioni che ho raccolto, insieme alle mie osservazioni, vi posso assicurare che i tedeschi usavano i seguenti metodi di uccisione. A) Camere a gas: le vittime sono state costrette a stare a nudo nelle camere, dove venivano soffocate. B) camere elettriche: queste camere hanno pareti metalliche. Le vittime ernao guidate all’interno e poi uccise da corrente elettrica ad alta tensione. C) Il cosiddetto sistema martello pneumatico: un martello pneumatico progettato per uccidere mediante pressione pneumatica.

E ‘davvero così notevole che Cavendish-Bentinck considerava tali relazioni indegne di fede ? Ovviamente no. Qualsiasi rapporto simile sarebbe stato immediatamente respinto come falso, anche oggi.

Ma c’è di più: Secondo le informazioni fornite “una donna polacca con il nome in codice Wanda”, “il 98% di tutti gli arrivi di Auschwitz furono gassati”. Auschwitz era un campo di sofferenza, lavoro forzato da una grave carenza di manodopera, e  i funzionari a Bletchley Park ben sapevano. Perchè Cavendish-Bentinck dovrebbe dare minimo credito alla denuncia che il 98% di tutti i detenuti furono gassati subito dopo il loro arrivo?

L’Intel Inglese aveva tutte le ragioni per considerare i messaggi radio decodificati delle SS la fonte più affidabile di informazioni sugli eventi in Auschwitz. Alla luce dei dati disponibili, quindi, inoltre, si presuppone che i tassi di mortalità locali erano pari a circa 2.000 al mese, invece di 2.000 al giorno. Secondo i dati riportati dalle SS, ci sono stati esattamente 52.996 Abgänge in un intero anno del 1942. Il numero insolitamente elevato è, come detto in precedenza, riconducibile alla serie di epidemie di tifo che può essere facilmente dimostrato essere scoppiato nella tarda estate del 1942. Se ci fossero stati 2.000 morti al giorno nel 1942, il numero di Abgänge sarebbe stato pari ad almeno 730.000 !!!

I dati decodificati in Bletchley Park, ovviamente, hanno causato confusione tra gli storici. Il numero ufficiale delle vittime di Auschwitz è pari, come è noto, a 1 milione. Ma come è possibile arrivare a una cifra così alta sulla base dei messaggi radio SS decifrati dai servizi segreti britannici?

Nel tentativo di stabilire la cifra ufficiale delle vittime di Auschwitz, Breitman sostiene che il numero delle vittime effettive e’ stato oggetto di particolare e severa misura di censura ufficiale e riservatezza .

Questa affermazione non è molto convincente. Perché se fu adoperato il gas per uccidere ad Auschwitz come mai non fu mai trasmesso come info usando Enigma quando le fucilazioni di massa sul fronte orientale lo erano invece attraverso Enigma, cioè, esattamente nello stesso modo? Indipendentemente dal fatto che si trattava di una questione di esecuzioni di massa a Riga, Minsk o Kiev – stranamente, il libro di Breitman dimostra costantemente i propri punti sulla base delle relazioni di Bletchley Park, che l’autore considerava ovviamente affidabili.

Proprio come e’ arbitraria la suddetta affermazione di Breitman in realtà è chiaro , ultimo ma non meno di tutti, il fatto che i tedeschi affidavano ad Enigma informazioni fondamentali, addirittura decisive, sulle loro manovre, come ad esempio le posizione attuali di U -boats o le date esatte dei futuri attacchi aerei tedeschi.

Russland, Verschlüsselungsgerät Enigma

Breitman stesso dichiarava:

“Himmler voleva sapere quanti detenuti erano stati liberati, e quanti erano morti, in maniera esatta” . Ma se Himmler ordinò ai campi di segnalare il numero di morti, perché dovrebbe il comandante di Auschwitz nascondere questo numero? L’ipotesi di Breitman sembra essere un’ipotesi puramente ad hoc destinata semplicemente a consentire allo scrittore di continuare ad aggrapparsi al numero ufficiale delle vittime di Auschwitz.

Un altro libro su Bletchley Park e l’Olocausto è stato pubblicato nel 2004. Lo storico Nicholas Terry, del Yad Vashem Studies, ha pubblicato un articolo intitolato “Segnali Contrastanti”, difende l’intelligence britannica contro le accuse di Richard Breitman: L’Intelligence britannica aveva, di fatto , secondo lui, scoperto una chiara evidenza di sterminio degli ebrei sulla base di messaggi radio decifrati a Bletchley Park.

Prima di tutto, Terry raddrizza un equivoco da parte di Breitman. Naturalmente, un ordine è stato, infatti, in realtà rilasciato il 13 Settembre 1941 che vieta ogni ulteriore segnalazione del numero delle vittime per radio, ma, piuttosto, ordina che tutti i dati saranno comunicati tramite corriere; ma questo ordine doveva essere applicato solo ai tre più alti delle SS e della polizia Leaders (HSSPF) . Il 24 agosto 1941, Winston Churchill aveva commesso l’errore, in un discorso alla radio, di denunciare le fucilazioni di massa effettuate dietro il fronte Russo. Churchill rimase , ovviamente, molto vago, ma suscito’ il sospetto da parte del capo della Ordnungspolizei tedesca, Kurt Daluege, che gli inglesi stavano eseguendo intercettazioni delle segnalazioni radio tedesche. Daluege, quindi , emise un ordine ai capi della dell’Ordnungspolizei, decifrati dagli inglesi, che vietava la menzione, per il momento, di numero delle vittime via radio. In risposta a un suggerimento di SS-Obergruppenführer Friedrich Jeckeln, le cifre delle vittime sono state, tuttavia, non cancellate, ma, piuttosto, semplicemente camuffate, vale a dire, d’ora in poi riportate sotto il titolo di “azione sotto gli effetti della guerra.”

Il punto decisivo è che l’ordine emesso da Daluege era indirizzato al HSSPF, ma non  a quello delle SS. L’ufficio del comandante di Auschwitz ha continuato quindi a riferire il dato dell’Abgänge su base regolare. Il 28 gennaio 1943, Bletchley Park ha anche riferito che l’ufficio Oranienburg emise un ordine di compilare statistiche dettagliate e di riferire il numero esatto dei detenuti deceduti e dei nuovi arrivi.

Come Richard Breitman, Nicholas Terry sostiene anche che le persone uccise subito dopo il loro arrivo, non sono state incluse negli elenchi delle Abgänge perché non sono mai state registrate. Questo è, ovviamente, del tutto concepibile. Ma senza un unico documento dove e’ contenuto l’ordine espresso che i detenuti uccisi nelle camere a gas dopo il loro arrivo non devono essere dichiarati, l’ipotesi rimane solo un’ipotesi ad hoc.

Che questa ipotesi ad hoc, è solo una ipotesi inverosimile è facilmente dimostrabile con riferimento a pochissime semplici considerazioni. Come faceva il Reichsführer SS a sapere di come la “soluzione finale alla questione ebraica” stava progredendo a meno che il comandante di Auschwitz non riferisse regolarmente il destino di ogni singolo trasporto in entrata? E ‘ovvio che Himmler doveva essere informato del numero di detenuti arrivo ad Auschwitz, del loro trasferimento in altri campi di concentramento e delle  loro uccisioni nelle camere a gas. L’ufficio SS responsabile come Business Administration [SS-Wirtschaft-Verwaltungshauptamt] deve pure aver insistito nel conoscere le statistiche esatte da quando fu responsabile di tutti i campi di concentramento, e avrebbe avuto bisogno di essere informato, non solo del numero di detenuti che lavorano, ma anche del numero di non registrati, i detenuti non abili , anche e soprattutto per giustificare le quantità di Zyklon B richiesto per le camere a gas così come per i quantitativi richiesti di carbone per i forni crematori.

Zyklon_B_Container

Zyklon B (or translated Cyclone B)-Hydrogen cyanide gas (HCN or hydrocyanic acid) was the trade name of a cyanide-based pesticide invented in Germany in the early 1920s.  This procedure has been utilized for pest and vermin control on ships, in buildings and in specially designed chambers and structures. Special design and handling considerations must be followed to ensure the safety of the users (technicians). Hydrogen cyanide is one of the most powerful and dangerous of all fumigation chemicals. Buildings especially constructed or modified for this purpose were used by all militaries and health organizations throughout the world. HCN has been used everywhere for disease control; specifically for plague and typhus i.e. rat, flea and lice control.

TRADUZIONE :

Zyklon B (o tradotto Ciclone B)-Hydrogen cyanide gas (HCN or hydrocyanic acid) era il nome commerciale di un pesticida a base di cianuro inventato in Germania nei primi anni del 1920. Questa procedura è stata utilizzata per Disinfestazioni sulle navi, negli edifici e nelle camere e strutture appositamente progettate. Progettazione e gestione speciali dei locali devono essere seguiti per garantire la sicurezza degli utenti (tecnici). Il cianuro di idrogeno è uno dei più potenti e pericolosi tra tutte le sostanze chimiche di fumigazione. Edifici specialmente costruiti o modificati per questo scopo sono stati utilizzati da tutti i militari e le organizzazioni sanitarie di tutto il mondo. L’ HCN è stato utilizzato in tutto il mondo per il controllo delle malattie: appositamente per la peste e il tifo cioè malattie portate dal ratto, per il controllo delle pulci e dei pidocchi .

Alla luce di quanto intercettato dall’Intel Britannica ecco perche’ lo Zyklon B veniva usato nei campi , per disinfestare e tenere sotto controllo le epidemie. Per uccidere con esecuzioni di massa mediante questo gas dovevano essere progettati edifici speciali , apparecchiature e costi richiesti , oltre alla stessa produzione del cianuro di idrogeno, per uccidere due migliaia di detenuti al giorno e cremarne altrettanti deve presupporre un’ economia ed una logistica di altissimo livello tecnologico e finanziario, nonche’ , come esposto sopra, e come non esposto (I Nazisti , Hitler in persona, fecero un accordo con l’IBM al fine di usare Hollerith, una macchina catalogatrice in grado di schedare tutti i detenuti, nonche’ tutti i detenuti erano marchiati con un numero al fine di essere schedati) , avendo i gerarchi nazisti avuto netta e chiara volonta’ di catalogare e conoscere le statistiche concernenti tutti i prigionieri ed i loro destini, perche’ i dati relativi alle uccisioni di massa non sono MAI STATI TROVATI , NE’ INTERCETTATI IN CHIARO ?

Le stesse cremazioni dovevano essere non il tentativo di nascondere qualcosa ma piuttosto di evitare e contrastare il diffondersi di epidemie dovute al deterioramento dei cadaveri , vittime di fame e malattie. Così come avveniva in Europa durante l’ epidemia di Peste Nera, i corpi delle vittime della piaga nera erano bruciati a migliaia ogni giorno.

E NON E’ FINITA.

CdP9JEsUkAA1Rqa

Prussian blue lent its name to prussic acid (hydrogen cyanide), which was derived from it. In Germany, hydrogen cyanide is called Blausäure (“blue acid”), and Joseph Louis Gay-Lussac gave cyanide its name, from the Greek word κυανός (kyanos, “blue”), because of the color of Prussian blue.

Blu di Prussia , o Blu Prussiano , e’ il nome dato all’acido prussico (acido cianidrico), che è stato derivato da esso. In Germania,il  cianuro di idrogeno si chiama Blausäure (acido blu“), e Joseph Louis GayLussac ha dato al cianuro questo nome, dalla parola greca κυανός (kyanos, “blu”), a causa del colore del blu Prussia.

Se il gas Zyklon B fosse stato utilizzato nelle c.d. camere a gas perche’ Fred A. Leuchter trovo’ bassi livelli di Prussian blue nei campioni di pareti delle camera a gas e nei soffitti ?

Dopo tutto GLI STORICI sostengono che Sei Milioni di ebrei perirono nelle camere a gas, quei muri dovevano essere BLUE Cobalto altro che solo Blue prussiano…

Infatti, come abbiamo sostenuto sopra , Leuchter attribuì la presenza del gas come le normali procedure di disinfestazione generale degli edifici. Questo controllo risulto’ negativo, ed inoltre un campione di materiale preso da un altro edificio del campo, non aveva alcun residuo di cianuro.

I TESTIMONI DIRETTI DELL’OLOCAUSTO.

Kurt Gerstein :

Come molti della sua generazione, Gerstein e gli altri (e la sua famiglia) furono profondamente influenzati da ciò che videro come l’umiliazione del trattato di Versailles e sono stati attratti dal nazionalismo estremo dei nazisti. Nel mese di luglio 1933, si iscrive alle SA, le SA del partito nazista. Friedlander descrive le contraddizioni nella mente di Gerstein: “Ferma difesa di concetti religiosi e dell’onore dei movimenti giovanili confessionali, ma la debolezza di fronte al nazionalsocialismo, con l’accettazione della sua terminologia e la scadente retorica, l’accettazione, soprattutto, dell’ordine politico esistente, del suo autoritarismo e il suo nazionalismo isterico “.

Tuttavia, nei primi mesi del 1935 si alzò in un teatro durante una rappresentazione della commedia Wittekind per protestare contro il suo messaggio anti-cristiano ed è stato picchiato da membri del partito nazista tra il pubblico. Egli è venuto anche in conflitto con il governo nazista per la distribuzione materiale anti-nazista. E ‘stato arrestato il 4 settembre 1936, tenuto in custodia protettiva per cinque settimane, ed espulso dal partito nazista. non essendo piu’ un membro del partito nazista, non fu in grado di trovare lavoro come ingegnere minerario nel settore statale. Fu anche arrestato per la seconda volta nel mese di luglio 1938, ma fu rilasciato sei settimane più tardi, perché non furono provate le accuse nei suoi confronti. Con l’aiuto del padre e qualche testa potente e alcuni funzionari delle SS, ottenne la reintegrazione nel partito nazista fino a giugno 1939.

Lo storico Christopher Browning ha scritto: “Molti aspetti della testimonianza di Gerstein sono senza dubbio problematici … [Nel fare] dichiarazioni, come ad esempio l’altezza delle pile di scarpe e vestiti di Belzec e Treblinka, Gerstein stesso è chiaramente una fonte di esagerazione.. Gerstein ha anche aggiunto affermazioni esagerate su questioni a cui non è stato un testimone oculare, come quella di un totale di 25 milioni di ebrei e altri che sono stati gassati. […] “.

Il 22 aprile 1945, due settimane prima della resa della Germania nazista, Gerstein si arrese volontariamente al comandante francese della città occupata di Reutlingen. Ricevette una buona accoglienza  e fu trasferito in una residenza in un hotel di Rottweil, dove fu in grado di scrivere i suoi rapporti. Tuttavia, fu poi trasferito al carcere militare ChercheMidi, dove fu trattato come un criminale di guerra nazista. Il 25 luglio 1945 fu trovato morto nella sua cella, un presunto suicidio.

Ecco un esempio di testimoni oculari e delle loro contraddizioni sull’ Olocausto.

Complessivamente, sarebbe una sottovalutazione grave di burocrazia tedesca supporre che i record-log esatti non sono stati mantenuti sotto la corretta procedura. Ad Auschwitz, non una sola nascita, una morte, di disinfestazione, di rilascio, di punizione, di esecuzione, o caso di malattia o potrebbe verificarsi senza essere stato segnalata al Gruppo Agency [Amtsgruppe] D della SS-WVHA a Oranienburg dall’ufficio del comandante del campo.

Infine, Jürgen Graf e Carlo Mattogno hanno scoperto numerosi documenti negli archivi di Mosca che illustrano non solo l’estensione della burocrazia tedesca, ma l’improbabilità pure di qualsiasi Olocausto. Come esempio, vorrei citare il rapporto del Dr. Horst Fischer al dottor Eduard Wirths. In una lettera del 13 aprile 1943, il medico del campo Dr. Fischer a Buna ha scritto al medico presidio Dr. Wirths informandolo dell’arrivo di 658 detenuti ad Auschwitz. Di questi 658 detenuti, 109, dopo un approfondito esame medico, erano stati ritenuti di essere in grado di lavorare. E di questi 109 detenuti non abili, 25 sono stati inviati a una delle case di riposo e di recupero dei reparti a Buna, 33 sono stati inviati in infermeria e detenuti a Buna, e 51 sono stati trasferiti nell’ospedale per detenuti molto meglio attrezzati ad Auschwitz .

Per riassumere, possono essere considerati i seguenti fatti stabiliti: I messaggi decifrati a Bletchley Park senza dubbio costituiscono una delle fonti più affidabili sul corso degli eventi durante la Seconda Guerra Mondiale. Essi forniscono informazioni sulle imprese dell’esercito, della marina e aviazione tedesca. Essi forniscono una panoramica degli eventi che si verificano dietro il fronte russo e le condizioni nei campi di concentramento. Dal momento che i rapporti da Auschwitz non contengono informazioni sulle uccisioni di massa, la questione se l’intelligence britannica “era a conoscenza dell’Olocausto,” si può rispondere con una sola parola: “No!” .

In considerazione del fatto che i messaggi provenienti da Auschwitz non contengono alcuna menzione di camere a gas o di omicidi di massa, la vera domanda è : L’Olocausto avvenne relamente ? Indipendentemente dalla convinzione generale che quasi nessun evento storico è mai stato così bene “provato”, si deve, ancora una volta, espressamente sottolineare che, fino ad oggi, non un singolo materiale o prova documentale per la realtà di tutte le uccisioni di massa in camere a gas è stato mai trovato. L’unica cosa che esiste, al massimo, sono reciproche contraddittorie “testimonianze oculari” e “confessioni”, di personale preposto in queste strutture (le quali vorrei tanto intervistare ed investigare, n.d.T.).

I documenti più affidabili su Auschwitz  sono “i messaggi radio provenienti da Auschwitz, decifrati dagli Alleati”. Non contengono il minimo riferimento alle uccisioni di massa per mezzo di gas tossici . Questo è in aggiunta al fatto che il numero di vittime riportate dall’ Intel britannica sostanzialmente coincide con il numero di vittime riportate negli Auschwitz “Death Books.”

Come già accennato, l’Auschwitz Concentration Camp ha riportato un totale di 52.996 Abgänge per l’anno 1942 in tutto. Secondo “I Libri della Morte” si suppone che ci sia stato un totale di 36,958 morti ad Auschwitz nel 1942. Il fatto che il numero di Abgänge è maggiore del numero di morti, si spiega facilmente, dal momento che il termine Abgänge include, come di cui sopra, non solo le morti naturali e vittime di esecuzione, ma anche i detenuti che erano stati rilasciati o trasferiti altrove. È pertanto assolutamente concepibile che il numero di 36,958 decessi aggiunti nei “Libri della Morte” per il 1942 è del tutto corretto. La discrepanza esistente di 16.038 potrebbe riflettere il numero di detenuti trasferiti in altri campi o rilasciati. In attesa della scoperta di un documento senza ambiguità comprovante la gassificazione di migliaia di esseri umani ad Auschwitz da Zyklon B, siamo perfettamente giustificati a mettere in dubbio la versione ufficiale dell ‘ “Olocausto”.

NOTE E RIFERIMENTI :

Notes:

1 Frederick W. Winterbotham, The Ultra Secret (London: Weidenfeld & Nicolson, 1974).

2 Francis H. Hinsley British Intelligence in the Second World War. Volume II: Its Influence on Strategy and Operations (London: Stationary Books, 1981).

3 BBC Holocaust Documents Released. 20 May 1997. Online: http://www.bbc.co.uk/archive/holocaust/5114.shtml

4 The number of prisoners at Auschwitz grew continuously over the years. By 22 August 1944 the number of prisoners had grown to 104,891.

5 Francis H. Hinsley, op. cit., p. 673.

6 Bletchley Park Summary Reports ZIP/OS1 of 21 August 1942.

7 Ulrich Völklein, Dr. med. Eduard Wirths: Ein Arzt in Auschwitz. Eine Quellenedition (Norderstedt: Books on Demand, 2005), p. 40.

8 Bletchley Park Summary Reports ZIP/OS2 of 27 September 1942.

9 Bletchley Park Summary Reports ZIP/OS3 of 29 October 1942.

10 Ulrich Völklein, op. cit., S. 42.

11 Bletchley Park Summary Reports ZIP/OS6 of 28 January 1943.

12 The first report of extermination of Jews was presented in the so-called “Riegner Telegram” of 8 August 1942. On 8 August 1942 the bureau chief of the Jewish World Congress in Geneva wrote to the governments in London and Washington that it had been decided in Berlin to “exterminate with one blow” all deported Jews.

13 Bletchley Park PRO FO 371/34551 of 27 August 1943.

14 Richard Breitman, Official Secrets: What the Nazis Planned, What the British and Americans Knew (New York: Hill & Wang, 1998). All citations from this book are taken from the German translation.: Richard Breitman, Staatsgeheimnisse: Die Verbrechen der Nazis – von den Alliierten toleriert (Munich: Goldmann, 2001).

15 Ibid, p. 162.

16 Ibid, p. 160.

17 Ibid, p. 164.

18 Ibid, p. 154.

19 Ibid, p. 157.

20 Ibid, p. 156.

21 Nicholas Terry, “Conflicting Signals: British Intelligence on the ‘Final Solution’ through Radio Intercepts and Other Sources.” Yad Vashem Studies 32: 351-396, 2004.

22 Ibid, pp. 365f.

23 Ibid, p. 360.

24 Ibid, p. 366.

25 Bletchley Park Summary Reports ZIP/OS6 of 28 January 1942.

26 Terry, op. cit., p. 388.

27 Or better stated: the radio communications deciphered at Bletchley Park contain only information regarding mass shootings behind the front, but not regarding mass gassings at Auschwitz (Oder behutsamer formuliert: Die in Bletchley Park entschlüsselten Funksprüche enthalten nur Informationen zu Masserschießungen hinter der Front, nicht aber zu Massenvergasungen in Auschwitz.)

28 Staatliches Museum Auschwitz, Sterbebücher von Auschwitz (Berlin: De Gruyter, 1995).

29 Norbert Frei (ed.), Darstellungen und Quellen zur Geschichte von Auschwitz: Standort- und Kommandanturbefehle des Konzentrationslagers Auschwitz 1940 – 1945 (Berlin: De Gruyter, 2000).

30 David Bankier (Ed.), Secret Intelligence and the Holocaust. Collected Essays from the Colloquium at the City University of New York (Jerusalem: Yad Vashem, 2006).

Advertisements

One thought on “BLETCHLEY PARK : IL NEMICO E’ IN ASCOLTO

  1. Pingback: AUTOPSIES – WotansVolk

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s