VIAGGIO AL TERMINE DELL’ ETERNA OSCURITA’

thumb.php_

-Louis-Ferdinand Céline, pseudonimo di Louis Ferdinand Auguste Destouches (Courbevoie, 27 maggio 1894 – Meudon, 1º luglio 1961), è stato uno dei piu’ grandi se non il piu’ grande in assoluto scrittore francese degli ultimi due secoli…

Lo pseudonimo era il nome della nonna materna.Considerato appartenente alle correnti del modernismo e dell’espressionismo. La sua opera più famosa e’ Viaggio al termine della notte (Voyage au bout de la nuit, 1932), è un’esplorazione cupa e nichilista della natura umana e delle sue miserie quotidiane. La maggioranza dei suoi libri originano da spunti autobiografici, e sono narrati in prima persona da Ferdinand, il suo alter ego letterario.

voyage-au-bout-de-la-nuit

Per le sue prese di posizione politiche e affermazioni durante la Seconda guerra mondiale, esposte in alcuni pamphlet fu accusato di antisemitismo, e per la cultura semita e filosemita Céline rimane oggi una figura controversa e discussa. Emarginato dalla vita culturale nel dopoguerra, il suo stile letterario fu ammirato dagli scrittori che gravitavano attorno alla Beat Generation statunitense. Anche Charles Bukowski aveva grandissima ammirazione per Céline.

tumblr_inline_msr98mJTPD1qz4rgp

Moltissimi scrittori, saggisti ed artisti che gravitano attorno le piu’ disparate orbite sinistrorse non nascondono la loro ammirazione per Cèline.

L‘antisemitismo di Céline si dispiega in tre pamphlet :                                               Bagatelle per un massacro (Bagatelles pour un massacre, 1937), L’École des cadavres (1938) e Les Beaux draps (1941).                                                                               Ne L’école des cadavres denunciava la rovina della Francia a causa degli ebrei e dei capitalisti loro associati, delle banche usuraie in mano giudea, e invocava una alleanza con il Terzo Reich al fine di preparare uno scontro all’ ultimo sangue tra le Nazioni Ariane contro le corrotte democrazie occidentali giudaizzate (Inghilterra e Stati Uniti) e l’altra faccia della loro medaglia : il bolscevismo.
Non solo: Céline auspicava una rigenerazione razziale della Francia, che avrebbe dovuto depurarsi dalle influenze meticce e mediterranee agganciandosi alla sua vera appartenenza razziale : il Nord Europa.

« Negli anni Trenta, Céline vantava (forse più di ogni altro) un bel curriculum di antisemita, ma dopo il ’40 andò oltre imboccando un razzismo scientifico, quale a suo avviso neppure i nazisti osavano sperare… Non si può non continuare a chiederci come mai uno scrittore di quella forza e di quella novità si sia lasciato trascinare da uno spirito più che polemico, predicatore di morte e di rovine. »
(Carlo Bo)

-Analisi dell’ Analisi di Carlo Bo e dei suoi degenerati simili.

Cèline e’ considerato un genio, uno scrittore geniale, di fama mondiale, anche , a volte, soprattutto dai degenerati, traditori, abietti, mentecatti, sinistrorsi, squallidi, umani come Carlo Bo e compagni, o e’ un genio, un lume di intelligenza, O NON LO E’. Non esiste una via di mezzo, ed e’ proprio questa via di mezzo che questi antifa sbandierano qui e la’ a generare la morte e la miseria che abbonda nelle nostre societa’ , occidentali ed orientali.

La Seconda Guerra Mondiale e’ stata vinta dai Semiti, milioni sono morti a torto o a ragione,
ma ancora MORTE E MISERIA , IGNORANZA E CONTRADDIZIONI, sono ovunque, proprio grazie ai semiti, proprio grazie agli antifa, ai sinistrorsi, ai sognatori dalla zucca vuota, uomini dei sogni, porci degli incubi, kefiah al collo e sionismo in bocca : i comunisti, legumi in barattolo con conservanti e verme incluso.

voyage-au-bout-de-la-nuit-par-tardi

Nella sua ultima intervista “predice” la decadenza degli europei (i “bianchi”) sopraffatti dagli africani, e l’ascesa sopra tutti dei cinesi (i “gialli”), tornando sul tema degli ebrei, affermando che la Francia era finita in guerra per fare i loro interessi:

«Non ho scritto nulla contro gli ebrei… tutto quello che ho detto era “che gli ebrei ci stanno spingendo in guerra”, e questo è quanto. Avevano una rogna con Hitler, e non erano affari nostri, non avremmo dovuto impicciarcene. Gli ebrei hanno avuto una guerra di lamentele per due migliaia di anni…. ».

Cèline e’ un idealista, un genio rabbioso e di indomita forza , sottovalutato in vita, equivocato dopo la morte.

Uccidere un’opinione equivale ad uccidere un uomo, umiliare un uomo equivale ad ucciderlo due volte e farlo rinascere per tre.

Solo chi ha subito privazioni nella propria infanzia, percosse, violenze, umiliazioni in seno alla propria famiglia, all’ ambiente scolastico, e sociale in generale puo’ capire la visione che ha del mondo una mente come quella di Cèline, tutti gli altri …sinistrorsi o meno sinistrorsi, possono solo -tentare- di capirla…

E questo e’ quanto…

goebells-quote

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s