OLIVER NORTH

eagle_vs_snake

Il 5 luglio 1987, la prima pagina del Miami Herald portava alla ribalta un articolo che descriveva con tanto di prove sussistenti un piano segreto della Casa Bianca avente tra i punti cardine :

A.) Dichiarare un indefinito stato di “Emergenza nazionale”

B.) Riaprire Campi di Concentramento per PREVENTIVA
DETENZIONE LEGALE di  DISSIDENTI di CERTI GRUPPI ETNICI (Lager per 21 milioni di Negri).

C.) Sospendere la Costituzione degli Stati Uniti

Guardando le udienze dell’affair Iran-Contra,
trasmesso in diretta in TV, la nostra curiosità aveva raggiunto il picco
quando un membro del comitato inizio’ ad indagare su un articolo
attinente ad un segreto piano della Casa Bianca che prevedeva di sospendere la
Costituzione.

Siamo stati ancora più perplessi quando il Presidente della commissione
Daniel Inouye lo interruppe chiedendo che ogni discussione su
tale questione potesse svolgersi a porte chiuse, non in udienza pubblica.

Ho ricercato l’articolo, l’ ho trascritto, e ora lo presento a voi per la vostra
considerazione. Avete il diritto di leggerlo , finche’ la Costituzione non venga sospesa naturalmente.

“La percezione della realtà è a volte
più importante della realtà stessa. “
-Henry Kissinger

da THE HERALD MIAMI …. DOMENICA 5 LUGLIO 1987 :

THE SECRET .

Le fonti dicono che il governo parallelo dietro l’ Amministrazione Reagan e’ impegnata in azioni segrete tra cui:

Un piano di emergenza per sospendere la Costituzione e imporre la legge marziale in Stati membri in caso di guerra nucleare o ribellione nazionale.

1985: visita in Libia di William Wilson, allora ambasciatore degli Stati Uniti nel
Vaticano e amico di Reagan, per incontrarsi con Leader libico colonnello Muammar Gheddafi.

VISTA : Vie di sofisticati satelliti di sorveglianza modificati ad hoc per seguire navi sovietiche in tutto il mondo.

VARO di aerei spia in missioni segrete oltre Cuba e Nicaragua.

PROPOSTA nel 1981 per fornire sostegno segreto di anti-sandinisti fuggiti dopo la
Rivoluzione sandinista in Nicaragua nel 1979.

Diffusione di informazioni che gettano fango sul Nicaragua come minaccia
agli Stati viciniori e agli Stati Uniti.

— *** —

L’Elezione di Reagan era solo un abile mossa da equilibrismo in un parapendio. Il bisogno di avere un re pupazzo senza una cultura politica apporpriata al fine di manovrare con destrezza alti interessi economici in seno ad un imponente cintura di sicurezza nazionale ed imposizione internazionale senza precedenti.

LA CREAZIONE nel 1980 ad Ottobre del Surprise Group , o Gruppo Sorpresa, per monitorare le trattative del Presidente Carter con l’Iran per il rilascio di 52 ostaggi americani. Il Gruppo si è incontrato con l’ uomo che sosteneva di rappresentare l’Iran e che ha offerto di liberare gli ostaggi per Reagan.

L’ ACQUISIZIONE di materiali informativi confidenziali rubati dalla campagna di Carter prima del 28 Ottobre 1980

PRINCIPIO:

William Clark: affida un grande ruolo ad Oliver North .
William Casey: tiene guardia al Presidente Carter

———————

Quello che segue è il testo completo dell’ articolo originale stampato nel Miami Herald il 5 LUG 1987:

IL GOVERNO ‘SEGRETO’

di ALFONSO CHARDY, HERALD WASHINGTON BUREAU

WASHINGTON – Alcuni dei consiglieri top del presidente Reagan hanno operato in un governo parallelo e virtuale al di fuori dei tradizionali dipartimenti del Governo e delle agenzie quasi dal giorno in cui Reagan è entrato in carica.

Gli investigatori ritengono che i consiglieri hanno avuto attività estese ben oltre le vendite di armi segrete per l’Iran e gli aiuti ai contras ora sotto inchiesta.

Il Tenente Colonnello Oliver North, ad esempio, ha contribuito a redigere
un controverso piano per sospendere la Costituzione in caso di crisi nazionale, come una guerra nucleare, e violenti e diffusi dissensi interni e/o di opposizione nazionale all’invasione militare degli U.S. all’estero.

I consulenti hanno condotto le loro attività attraverso contatti segreti in tutto il governo, con persone che hanno agito sotto la loro direzione, ma che non hanno ufficialmente una relazione tra loro.

Le attività di tali contatti sono state coordinate dal Consiglio Nazionale di Sicurezza.

Non sembra esserci stata nessuna direttiva formale per l’attività dei consulenti ‘, che fonti informate descrivono come un governo parallelo.

Tutto era predisposto per tenere il Governo ufficiale fuori da pericolosi coinvolgimenti che ne potevano minare le basi della credibilita’ financo la mera validita’ e legalita’.

“E ‘stata l’ultima negazione plausibile”, ha detto un funzionario ben informato, che ha servito l’ amministrazione Reagan dal 1982 e che spesso ha collaborato all’ assistenza segreta dei contras del Nicaragua.

I ruoli di funzionari di alto livello e di Reagan stesso non sono ancora chiari. Ma cio’ dovrebbe essere un argomento principale quando North appare per primo nell’ affair Iran-Contra .

The Shadow Government.

Per Gran parte del tempo, i segretari di Gabinetto e i loro aiutanti non erano a conoscenza delle attività dei consiglieri. Quando essi periodicamente rilevavano operazioni, si lamentavano o provavano a deragliargli .

Ma nessuno ha mai messo in dubbio le attività in maniera larga, forse per la convinzione che i consiglieri operavano di concerto con il Presidente.

Reagan sapeva di approvare o almeno pensava di approvare una parte delle
azioni del gruppo segreto.

Uno di questi casi è la visita in Libia nel 1985 di William Wilson, allora ambasciatore degli U.S. presso il Vaticano e amico personale di Reagan, per incontrare il leader libico Muammar Col.Gheddafi.
George Shultz rimproverò Wilson, ma i funzionari dissero che Reagan sapeva del viaggio in anticipo.

Gli investigatori ritengono che il cuore della struttura segreta dal 1983 al 1986 è stato l’ufficio di North nell’ Office Building Old Executive adiacente alla Casa Bianca.

L’influenza di North all’interno della struttura segreta era così grande, hanno detto le fonti, che era in grado di avere la orbite dei satelliti di sorveglianza sofisticati modificati per seguire le navi sovietiche in tutto il mondo, era in grado con una chiamata di ordinare e far eseguire il lancio in alta quota di un velivolo spia per missioni segrete oltre Cuba e Nicaragua.

Altri da annoverare nella struttura segreta inclusi alcuni amici di Reagan e i consiglieri a lui più vicini, tra cui l’ex nazionale consigliere per la sicurezza William Clark, e il compianto direttore della CIA William Casey ed il procuratore generale Edwin Meese.

“Questa è la parte della storia che rivela
Tutto del governo segreto operato nell’ [Executive Office Building] da un tenente colonnello, con il proprio esercito : aviazione, agenti diplomatici, agenti dei servizi segreti e la capacità di stanziamenti.

Un funzionario della Casa Bianca ha respinto l’idea che uno dei
qualsiasi dei consiglieri di Reagan operavano segretamente : “Il presidente ha sempre espresso sue posizioni di politica estera al pubblico e ha consultato
il Congresso “, ha detto il funzionario.

Sulla base di indagini e personali esperienze, credono che l’accordo per il governo segreto affonda le sue radici nelle ultime settimane della campagna di Reagan nel 1980.

I funzionari dicono che la genesi potrebbe essere stata avviata nell’ottobre del
1980 da una decisione di Casey, responsabile della campagna di Reagan , per
creare un gruppo : L’ October Surprise al fine di monitorare Jimmy Carter
nelle trattative febbrili con l’Iran per la liberazione di 52 Ostaggi americani.

Il gruppo, guidato dal consigliere di politica estera Richard Allen, è stata fondato sulla base della preoccupazione di Carter come un last-minute per la liberazione degli ostaggi prima dell’ elezione del 4 Novembre. Uno dei primi atti del gruppo fu un incontro con un uomo che affermava di rappresentare l’Iran e che si offrì di liberare gli ostaggi per Reagan.

Allen – primo adviser– della sicurezza nazionale di Reagan
e Laurence Silberman, hanno detto all’ Herald che la riunione ebbe luogo nel mese di Aprile. McFarlane , mattatore di questa riunione , in seguito divenne un consigliere per la sicurezza nazionale di Reagan e svolse difatti un ruolo chiave nella vicenda Iran-contra. Allen e Silberman hanno detto che ha respinto l’offerta di rilasciare gli ostaggi a Reagan.

Gli Aiutanti del Congresso ora collegano un altro ben noto
incidente della campagna elettorale- il furto in una conferenza riservata
di materiali della campagna di Carter prima del 28 ottobre 1980.

Essi credono che Casey ha ottenuto il materiale e lo abbia passato a James Baker, un altro top di Reagan nella campagna elettorale, capo del personale della Casa Bianca nel Primo mandato di Reagan.

Una volta che Reagan presto’ giuramento, il gruppo si è spostato rapidamente
per impostare se stesso. In pochi mesi i consiglieri stavano scontrando con i funzionari delle tradizionali agenzie.

Sei settimane dopo che Reagan presto’ giuramento, a quanto pare
nonostante le obiezioni del Dipartimento di Stato, l’allora direttore della CIA Casey
presento’ una proposta di Reagan chiedendo il sostegno segreto di gruppi anti-sandinisti che erano fuggiti via dal Nicaragua dopo la Rivoluzione del 1979.

Non è ancora chiaro se Casey cancello’ il piano con Reagan. Ma nel novembre 1981 la CIA segretamente vola da un Capo militare argentino, il Generale Leopoldo Galtieri, e lo porta a Washington al fine di mettere un punto di accordo segreto in base al quale Ufficiali militari argentini addestrassero i ribelli del Nicaragua,
secondo un funzionario dell’amministrazione a conoscenza di tale accordo.

All’incirca nello stesso periodo, North completo’ il suo trasferimento
dall’ NSC al Corpo dei Marines. Coloro che hanno lavorato con North nel 1981 ricordano i suoi primi incarichi come di routine, anche se non trascurabili.

North, hanno ricordato, è stato brevemente assegnato a portare il “Kick”, la valigetta contenente i segreti piani di emergenza per combattere una guerra nucleare, che è portata ovunque il presidente va. North in seguito amplio’ la sua
assegnazione e la copertura per la pianificazione nazionale di una crisi di contingenza. In tale veste è stato coinvolto con il controverso Piano della crisi nazionale elaborata dalla Federal Emergency Management Agency.

PIANO di CRISI NAZIONALE.

Dal 1982 al 1984, North assistito dalla FEMA in revisione dei piani di emergenza per affrontare una guerra nucleare, o un’ insurrezione e/o massiccia mobilitazione militare.

Il coinvolgimento di North con la FEMA porto’ il primo importante scontro tra il governo ufficiale e i consulenti che hanno portato alla lettera formale di protesta nel 1984 arrivata sul tavolo del Procuratore Generale Smith.

“I funzionari della FEMA hanno incontrato il colonnello del North dal 1982 al 1984 “, ha detto McAda.” Questi incontri sono stati opportuni Doveri del Col. North con il Consiglio di Sicurezza Nazionale e Le responsabilità della FEMA in alcune zone pertinenti alla sicurezza nazionale.”

Lo Scontro tra la FEMA e Smith si è verificato nel corso di un segreto
piano di emergenza che prevedeva la sospensione della Costituzione, la presa del Controllo da parte della FEMA, la nomina di comandanti militari aventi veci di subcomandanti di Stato e la dichiarazione della legge marziale nel corso di crisi nazionale.

Il funzionario ha detto che il piano di emergenza è stato scritto come parte di un ordine esecutivo o di un pacchetto legislativo che Reagan avrebbe firmato e avesse tenuto segreto all’interno dell’ NSC fino a quando non fosse nata una grave crisi.

Lo scenario delineato nella Nota Brinkerhoff
somigliava un po ‘ ad una carta che Guiffrida aveva scritto nel 1970 presso il  War College di Carlisle, in Pennsylvania., in cui sosteneva che la legge marziale in caso di una rivolta nazionale dai militanti negri.

Il giornale ha anche sostenuto di aver letto di speciali azioni mirate al fine di rendere possibile una vasta retata e un trasferimento a “centri di raccolta” o campi di reinsediamento (Lager, n.d.R.) per almeno 21 milioni di “negri americani.”

Quando vide i piani della FEMA, il Procuratore Generale Smith si allarmò. Tanto da inviare una lettera a McFarlane il 2 agosto, 1984 portando le sue obiezioni e sollecitando un ritardo nella firma di tale direttiva.

“Credo che il ruolo assegnato all’ agenzia Federal Emergency Management Agency
supera la propria funzione come agenzia di coordinamento per la preparazione alle emergenze “, ha detto Smith nella lettera a McFarlane, che The Herald ha ottenuto. “Questo reparto e altri hanno hanno ripetutamente sollevato una politica seria e legale alle obiezioni per la creazione di un ruolo di ’emergenza a livello zar’ per
FEMA. ”

Non è chiaro se l’ordine esecutivo era firmato o se conteneva gia’ i piani di legge marziale.
Fonti del Congresso che hanno familiarità con le procedure per disastro nazionale hanno dichiarato di credere che Reagan ha fatto firmare ad un dirigente un ordine nel 1984, per rivedere gli accordi sullqa mobilitazione militare nazionale e le misure per affrontare i civili in caso di guerra nucleare o altre crisi.

Fughe di notizie orchestrate.

Nel periodo in cui stavano producendo problemi come fuochi d’artificio con l’amministrazione, McFarlane e Casey riassegnarono North dalla pianificazione nazionale della crisi ai contatti segreti internazionali per la gestione dei contras. Il trasferimento è venuto dopo che North perse il proprio interesse personale, rendendosi conto che né lo Stato ne’ il Dipartimento né alcun altra agenzia governativa avevano voluto gestire il problema dopo che divenne chiaro all’inizio del 1984 che il Congresso muoveva aiuti ufficiali ai ribelli.

Oltre al ruolo di comandante come contropartita
e raccolta di fondi, North divenne sorvegliante segreto di Stato all’ Ufficio del Dipartimento di diplomazia pubblica, attraverso il quale l’ Amministrazione Reagan diffuse informazioni che gettavano Nicaragua tra le piu’ serie minacce per i suoi vicini e gli Stati Uniti.

Una fonte di intelligence che aveva familiarità con North ha detto che North era direttamente coinvolto in molte delle fughe di notizie più pubblicizzate,
tra cui il 4 Novembre 1984, l’ annuncio , il giorno delle elezioni, che dei
Caccia a reazione , MiG sovietici , erano in viaggio per il Nicaragua su di una nave cargo : la nave da carico Bakuriani, in rotta verso il Nicaragua partita da un porto sovietico del Mar Nero.

Il funzionario dell’intelligence ha detto che a quanto pare North abbia fatto trapelare queste informazioni alla stampa proprio il giorno dell’Election Day e quindi queste avrebbero raggiunto milioni di persone davanti alle TV per seguire i risultati delle elezioni.

Per un’occhiata più da vicino, ha detto la fonte, North richiese l’ intervento di un SR-71 Blackbird , aereo spia ad alta quota , da inviare
dalla Beale Air Force Base vicino a Sacramento, in California, a sorvolare
il porto nicaraguense di Corinto, mentre la Bakuriani scaricava il suo carico. Le immagini hanno mostrato che il Bakuriani scaricava invece elicotteri , non Mig.

North non è stato l’unico consigliere che ha operato in canali al di fuori del governo tradizionale, gli investigatori hanno concluso.

RIGLET.

Altre sotto unita’ sono stati conosciute come Riglet, un semi-ufficiale dell’Unità costituita da North; Alan Fiers, CIA , e Elliott Abrams, l’assistente al Segretario di Stato per gli affari interni-americani. . Il nome usato fu un diminutivo RIG, che
sta per Ristricted Interagency Group.

Tra le azioni del Riglet vi erano gli ordini  per l’ ambasciatore in Costa Rica, Lewis Tambs di aiutare i contras nella creazione di un fronte nel sud del Nicaragua. Tambs, che si dimise improvvisamente l’anno dopo ai fatti.

Ma forse la chiave per il governo parallelo era il ruolo svolto dal secondo consigliere sulla  sicurezza nazionale di Reagan il consigliere, William Clark. E ‘stato durante il mandato di Clark che North ha cominciato a guadagnare influenza nel NSC.

Clark ha anche reclutato alcuni ufficiali di medio livello dal Pentagono e la CIA per lavorare su una speciale centrale Task force americana nel 1983 al fine di spingere per aiuti a El Salvador.

“Il giudice Clark era il nonno di sistema”, disse. “Stavo lavorando al Pentagono su un’altra questione, quando il mio capo ha detto che a causa di circostanze particolari, dovevo riassegnato alla task force “.

Un ex funzionario dell’amministrazione a conoscenza delle Attività di Clark rivelo’ che Clark aveva anche approvato la missione dell’ambasciatore Wilson in Libia nel
Novembre del 1985.

L’ex funzionario ha detto che Wilson aveva pianificato missioni segrete all’ estero per conto dell’amministrazione Reagan in un Paese latino americano dove Wilson aveva mantenuto contatti con funzionari di alto livello.

Oliver_North
North nella foto segnaletica scattata dopo il suo arresto.

North came into the public spotlight as a result of his participation in the Iran–Contra affair, a political scandal during the Reagan administration, in which he claimed partial responsibility for the sale of weapons through intermediaries to Iran, with the profits being channeled to the Contras in Nicaragua. It was alleged that he was responsible for the establishment of a covert network which subsequently funneled those funds to the Contras. Congress passed the Boland Amendment (to the House Appropriations Bill of 1982 and following years), which prohibited the appropriation of U.S. funds by intelligence agencies for the support of the Contras. The money was passed through a shell organization, the National Endowment for the Preservation of Liberty, to the Palmer National Bank of Washington, D.C., and then to the Contras.

In an August 23, 1986, e-mail to National Security Advisor John Poindexter, North described a meeting with a representative of Panamanian president Manuel Noriega: “You will recall that over the years Manuel Noriega in Panama and I have developed a fairly good relationship,” North writes before explaining Noriega‘s proposal. If U.S. officials can “help clean up his image” and lift the ban on arms sales to the Panamanian Defense Force, Noriega will “‘take care of’ the Sandinista leadership for us”.

Allegations were made, most notably by the Kerry subcommittee, that North and other senior officials created a privatized Contra network that attracted drug traffickers looking for cover for their operations, then turned a blind eye to repeated reports of drug smuggling related to the Contras, and actively worked with known drug smugglers such as Panamanian dictator Manuel Noriega to assist the Contras. Journalist Gary Webb asserted in his journalistic series and book Dark Alliance, that North developed the idea of using drug money to support the resistance movement. Most Contra associates found guilty of trafficking by the Kerry committee were involved in the supply chain (ostensibly for “humanitarian goods,” though the supply chain was later found to have serviced the transport of arms), which had been set up by North. Organizations and individuals involved in the supply chain under investigation for trafficking included the company SETCO (operated by large-scale trafficker Juan Matta-Ballesteros), the fruit company Frigorificos de Puntarenas, rancher John Hull, and several Cuban exiles; North and other U.S. government officials were criticized by the Kerry Report for their practice of “ticket punching” for these parties, whereby people under active investigation for drug trafficking were given cover and pay by joining in the Contra supply chain. Notably, cocaine trafficker and Contra Oscar Danilo Blandón was granted political asylum in the U.S. despite knowledge of his running a drug ring. In addition to the Kerry committee’s investigation, the Costa Rican government of Óscar Arias conducted an investigation of Contra-related drug trafficking, and as a result of this investigation, North and several other U.S. government officials were permanently banned from entering Costa Rica.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s