LE RAGIONI DI BIBI

benjo bibi
-Il DeLarge System e’ fiero di presentare a Voi l’ articolo di un attivista palestinese apparso qualche ora fa sul celebre portale di news indipendenti israeliano Forward , arricchito dai commenti di Alnytak , che arricchisce l’ articolo stesso con  la sua testimonianza diretta, e ci permettiamo di sottotitolare l’ articolo stesso con:
-Come uccidere i palestinesi ed avere l’ opinione pubblica mondiale a favore…

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu lo sa meglio di chiunque altro che, se i palestinesi sono autorizzati ad impegnarsi in maniera non violenta allora aumenteranno le probabilità che queste persone esporranno l’ occupazione militare israeliana per quello che è, un sistema di moderno apartheid o peggio.

-da FORWARD.COM

Questo è il motivo per cui, dopo la sua vittoria elettorale marzo, Netanyahu ha assemblato un gabinetto di estrema destra che funziona per assicurare che i palestinesi siano provocati al punto di trasformare la loro protesta in una protesta violenta.

Bibi ha fatto questo per far pensare che tale violenza, e la reazione che egli poteva scatenare, abbia ripercussioni internazionali limitate poiché gli americani sono stati attivamente, a fondo, e costantemente privati del contesto necessario per comprendere il conflitto in corso.

Per decenni, ogni volta che la violenza è scoppiata, Israele ha semplicemente acceso la sua campagna di pubbliche relazioni ben oliata, progettata per screditare i palestinesi. In una nuova svolta, il governo israeliano ha recentemente iniziato a dare borse di studio a studenti universitari che sono disposti a sedersi al loro computer per inviare flussi infiniti di commenti su siti di notizie e social media, progettati da esperti israeliani per contrastare ogni critica ad Israele. Rivolgendosi al pubblico occidentale, soprattutto americano, Israele così decontestualizza la violenza.

Alnytak : Si questo e’ vero , gia’ dieci anni fa Io feci parte di una squadra con il compito specifico di contattare hosting provider in tutto il mondo al fine di far chiudere siti di odio ed antisemiti, ho le prove. Sul perche’ il M****d usava stranieri che desideravano servire la causa sionista e non giovani residenti israeliani , come fa adesso, per me rimane ancora un piccolo mistero, fatto sta che Io mi sono liberato dal lavaggio del cervello che mi hanno fatto e mi auguro che anche voi vi libererete presto , o alla fine morirete da schiavi in catene, non solo voi ma anche la vostra progenie.

Un primo esempio è come Israele collega ogni atto di violenza palestinese al fervore religioso, senza alcuna idea che l’occupazione israeliana militare , che va avanti dal 1967, e l’annessione di Gerusalemme nel 1980 potrebbero dare motivo di legittimo risentimento politico. Per decenni, i palestinesi di Gerusalemme sono stati sistematicamente umiliati, discriminati, e anche spogliati del loro status di residenti. Anziché fornire un contesto che potrebbe aiutare a spiegare e arginare gli attacchi, Israele ricorre all’ estremo per fare sembrare  i palestinesi come una razza diversa di persone che ricorrono ad una violenza inspiegabile. Questo piano ha funzionato brillantemente, fino ad ora.
Oggi, dopo anni di sviluppo di efficaci strumenti non violenti per resistere all’occupazione, tutto da un boicottaggio, disinvestimento e campagne di sanzioni fino a rimettere in discussione l’occupazione nei locali delle Nazioni Unite, come la Corte penale internazionale, i palestinesi hanno costruito un movimento di solidarietà che si puo’ trovare in ogni angolo del globo. Stiamo finalmente dando all’occupazione una corsa per il suo denaro. Tuttavia, in America, nonostante i diffusi sforzi educativi sulla questione in quasi ogni stato, il cambiamento è stato lento. Il contesto è fondamentale, e gli americani sono stati costantemente privati ​​di tale rilevante contesto per la comprensione di questo conflitto. C’è da stupirsi che così tanti americani hanno fretta di contestualizzare il comportamento palestinese come se questo fosse stato preso in prestito da un qualunque tag negativo mediorientale, e che capita di essere alla moda in questo momento – da Osama bin Laden all’ ISIS, da Saddam Hussein agli Hezbollah. Se i commenti in linea sono su alcune indicazioni, una risposta comune negli Stati Uniti per i recenti tragici avvenimenti in ed intorno a Gerusalemme  mettono in discussione la nostra stessa umanità. Completamente assente da questo discorso il fatto che gli Stati Uniti sono il leader nelle azioni, o inazioni, della comunità internazionale , che hanno permesso a tale situazione di star a bollire ancora una volta. E sono ancora gli Stati Uniti che hanno monopolizzato il processo di pace, che sostengono sostanzialmente le armi di Israele e che coprono diplomaticamente come nessun altro Stato al mondo. Inoltre, annualmente circa $ 3 miliardi di dollari dei contribuenti americani vanno allo Stato di Israele per aiuti e beni in merci e altro. Questi aiuti, ricompense o altro non sono che carote per mantenere Israele strategicamente alleato degli Stati Uniti, ma le armi e le attrezzature, per non parlare della liberazione del dollaro dalle tasse israeliane, vengono utilizzati come bastoni per opprimere sistematicamente i palestinesi su entrambi i lati della Linea Verde. Per il cittadino medio americano, nel 2015, visualizzare ancora i palestinesi come creature da Marte, e la loro disperazione fin troppo umana vista senza alcun contesto storico e indipendentemente da qualsiasi relazione con l’occupazione militare israeliana che gestisce la loro vita, non è più accettabile. Il sistema di istruzione americano e i media devono fare di più, per il bene di tutti noi.

Alnytak : Il Sistema di istruzione e soprattutto i media americani ed in generale quelli del Mondo Occidentale , in primis l’ Europa, sono in mano ai sionisti, quindi tale augurio rimarra’ nel vuoto per lungo, lungo tempo ancora.

In teoria, i politici e i legislatori americani potrebbero compensare la mancanza di conoscenza del conflitto degli americani ma, ahimè, poca speranza si trova in quella direzione: la politica degli Stati Uniti è stata a lungo alleata con la lobby filo-israeliana e il Congresso è diventato una cassa di risonanza per la propaganda dello stato israeliano.

E ‘un peccato che l’americano medio rimane completamente all’oscuro di ciò che significa vivere sotto occupazione militare. L “occupazione” israeliana che i palestinesi hanno vissuto sotto per 48 anni è un regime militare brutale che raggiunge ogni aspetto della vita di ogni palestinese. Controllano dove possiamo andare e quando, dove possiamo vivere, il modo in cui praticare la nostra religione, e tante altre cose importanti, tra cui se viviamo o moriamo.

Gli atti di violenza cui stiamo assistendo contro gli israeliani sono terrificanti – come lo sono meno pubblicizzati i numerosi attacchi più degli israeliani contro i palestinesi. Possiamo rimanere inorriditi dalla violenza, ma si può comunque capire che cosa motiva tali azioni. Infatti, per avere qualche possibilità di fermarli, siamo obbligati prima a capire il motivo per cui tali eventi stanno accadendo. Per i palestinesi, i nomi e i luoghi della Bibbia, santi per così tanti americani (ed europei, n.d.R.), sono più che parole recitate in chiesa la domenica: Gerusalemme, Betlemme, Nazareth e Gerico sono le nostre case e quando la violenza scoppia in quei luoghi, siamo noi ed i nostri bambini ad avere più da perdere.

Vittime israeliane e palestinesi sono una perdita per tutti noi e i loro ricordi dovrebbero servire come un promemoria eterno a tutti : senza la fine dell’occupazione israeliana non ci possono essere vincitori né vinti, ma solo più dolenti da entrambi i lati.

——————————-

Lo scrittore di questo articolo è un nativo di Youngstown, Ohio ma vive a Al-Bireh nella Cisgiordania occupata e serve come consigliere di politica di Al-Shabaka, il Policy Network dei palestinesi, ed è il presidente degli americani per un’economia palestinese vibrante. Il suo blog e’ ePalestine.com .

Per saperne di più: http://forward.com/opinion/323419/how-benjamin-netanyahu-torpedoed-palestinian-freedom-push-by-provoking-viol/#ixzz3qJGFkeMd

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s